La situazione economica europea post G20




Buone nuove, almeno sul piano teorico, per quanto riguarda la crescita dell'economia dei paesi dell'Eurozona. Dopo il G20, infatti, i paesi maggiormente industrializzati hanno assicurato un'azione comune per contrastare la crisi economica e favorire la crescita e i posti di lavoro in Europa. Obama e gli altri paesi Brics, per evitare un contagio, hanno fatto prevalere la loro linea, in accordo con Italia e Francia. Una linea che si scontra nettamente con l'austerity invocata dalla Merkel.

La linea seguita durante i lavori del G20 sarebbe quella di un rifinanziamento del Fondo Monetario: si tratterebbe di una misura atta a portare un incremento superiore ai 400 miliardi di dollari. La notizia è stata accolta favorevolmente dalle borse di tutto il mondo, anche se l'entusiasmo è durato solo qualche minuti. Il problema del debito pubblico, infatti, non è un affare esclusivo della Grecia, come hanno dimostrato le reazioni di questi giorni al nuovo insediamento della destra conservatrice e pro-Euro (ovvero: pro Merkel).

Quale futuro per l'Euro?

Il futuro dell'Euro è infatti in mano a Spagna ed Italia, e al loro tentativo di reagire al debito sovrano. In questi giorni, lo spread tra i titoli italiani e i Bund tedeschi, per il periodo di 10 anni, è di circa 450 punti base: il problema è che il tasso di scambio è superiore al 6%. Situazione non molto differente dall'altra nazione in crisi nera, la Spagna, i cui Bonos hanno una resa superiore al 7%: questo sta a significare un'alta percentuale di rischio dei titoli, maggiore di quella già critica dei titoli statali dell'Irlanda.

Tutto ciò porta l'euro a volare basso rispetto al dollaro: attualmente il valore in dollari dell'euro è di 1,2608. A questo va ad aggiungersi il crollo dello Zew tedesco, anche se i mercati non paiono preoccupati da un calo di questo tipo. I postumi del G20 arrivano fino in Asia: Tokyo, dopo aver sforato il margine degli 8700 punti, si è attestata su numeri inferiori per via delle scarse sicurezze offerte dall'Europa: in particolare la crisi spagnola ha determinato un abbassamento della fiducia degli investitori asiatici, nonostante il passo avanti della Grecia post elezioni. Scende anche l'indice Wti relativo al petrolio, scambiato attualmente a meno di 83 dollari. In ribasso anche il Brent, appena sotto la soglia di 96 dollari.







Sprintrade network

Abbonati ai nostri Feed


Videogallery

Iscriviti alla nostra newsletter
Clicca qui per votare
www.joomla.it