Da anni ormai si cerca di aumentare l'occupazione giovanile attraverso delle agevolazioni per l'assunzione dei giovani dirette a professionisti e imprese che devono assumere del personale. Pure quest'anno, all'interno della Legge di Bilancio 2021 sono state estese le agevolazioni per l'assunzione dei giovani sotto i 36 anni attraverso l'esonero contributivo al 100% anche per coloro che offrono lavoro ad apprendisti under 30 e agli studenti. viene prorogata anche una riduzione contributiva alle aziende che hanno meno di 9 dipendenti e assumono con un contratto di apprendistato di livello 1.

Vi sono varie opportunità che riducono il costo di lavoro con agevolazioni per l'assunzione dei giovani per le imprese ma anche per i professionisti che in questo 2021 assumeranno del personale.

Negli ultimi anni, difatti, sono state tante le iniziative volte a combattere la disoccupazione in generale e quella giovanile in particolare. Una piaga che colpisce larghi strati della popolazione, soprattutto di alcune regioni del Meridione d'Italia. Tra le iniziative ideate e lanciate, come vedremo meglio in seguito, quella di una riduzione o di un esonero temporaneo della contribuzione dovuta dalle imprese che assumano giovani lavoratori, purché queste soddisfacessero determinate condizioni o rientrassero in specifici requisiti.

Ulteriori interessanti iniziative hanno riguardato sia le donne lavoratrici, altra importante categoria che soffre di considerevoli problematiche occupazionali nel nostro Paese, e sia in generale le aree geografiche del Sud Italia, a forte tasso di disoccupazione. In quest'ultimo caso, con l'iniziativa "Decontribuzione Sud", si vogliono da un lato favorire l'occupazione, attraverso agevolazioni contributive, e, dall'altro, sostenere l'imprenditorialitá nelle regioni meridionali, sempre con un esonero dei contributi, ma a scalare nel corso del tempo, fino al termine di questo decennio.

In questo articolo andremo a vedere quali sono le novità di quest'anno riguardo alle agevolazioni per l'assunzione dei giovani a livello contributivo.

Quando assumere un under 36 conviene

Con la nuova Legge di Bilancio si va a rivedere la situazione riguardante le agevolazioni per l'assunzione dei giovani e in particolar modo l'esonero contributivo.

Nell'anno 2021 e in quello a seguire il datore di lavoro privato che possa essere un'impresa, un ente pubblico o uno studio professionale, che assumerà con contratto a tempo indeterminato oppure che trasformerà il contratto a tempo determinato di un dipendente a tempo indeterminato avrà diritto ad alcune agevolazioni per l'assunzione dei giovani sotto forma di esonero contributivo nelle seguenti misure:

  • Al 100%;
  • per un massimo di 36 o 48 mesi per assunzioni in Sicilia, Molise, Abruzzo, Campania, Puglia, Basilicata, Sardegna e Calabria;
  • per un massimo di 6.000 euro annui su base;
  • per i dipendenti che al momento dell'assunzione non avranno ancora compiuto i 36 anni.

Dall’esonero contributivo sono esclusi i contributi riguardanti le assicurazioni obbligatorie contro malattie professionali infortuni sul lavoro.

Le agevolazioni per l'assunzione dei giovani sotto forma di esonero contributivo non si possono concedere ai datori di lavoro che nei sei mesi prima dell'assunzione, oppure nei 9 mesi successivi all' assunzione abbiano proceduto a licenziamenti per giusta causa oggettiva cioè dei licenziamenti collettivi verso lavoratori che avevano un inquadramento con la stessa cari qualifica e nella medesima unità produttiva.

Tali disposizioni non vengono applicate se si prosegue un rapporto di apprendistato con contratto di lavoro a tempo indeterminato quando finisce la formazione; lo stesso vale per le assunzioni di giovani che finiscono l’alternanza scuola-lavoro.

I giovani assunti non devono aver avuto nessun precedente contratto a tempo indeterminato.

Ricordiamo che questo esonero di tipo contributivo va ad affiancarsi a quello strutturale, giá previsto per eventuali assunzioni di giovani under 30 a tempo indeterminato ed istituito di recente dalla Legge di Bilancio 2018. Inoltre, tale beneficio contributivo temporaneo si puó cumulare a quello giá previsto nell'ipotesi di assunzione di soggetti con disabilitá e di lavoratori che beneficiano della Naspi. Di conseguenza, tali agevolazioni per l'assunzione dei giovani tendono ad integrarsi tra loro o, comunque, ad essere molteplici, in base ai soggetti a cui sono destinate.

Agevolazioni per l'assunzione dei giovani studenti

Agevolazioni per l’assunzione dei giovani

Veniamo poi alle agevolazioni per l'assunzione dei giovani per il datore di lavoro che assume a tempo indeterminato un giovane che ha conseguito il titolo di studio entro sei mesi dalla data dell'assunzione e che presso il medesimo dal datore di lavoro abbiano svolto:

  • Almeno il 30% del monte ore previste dal progetto alternanza scuola-lavoro;
  • Un periodo di apprendistato per ottenere una qualifica o un diploma professionale ho un diploma di scuola secondaria o un c.d. di 1° o 3° livello.

Si avrà così diritto alle agevolazioni per l'assunzione dei giovani sotto forma di esonero contributivo al 100% per i contributi previdenziali a carico del titolare tranne quelli dovuti all'INAIL, per un massimo di 3.000 € all’anno suddivisi in 36 mesi.

I giovani assunti durante l'anno in corso devono essere sotto i 30 anni e non avere avuto precedenti contratti di lavoro a tempo indeterminato a meno che non si tratti di precedenti contratti di apprendistato trasformati un contratto a tempo indeterminato da un altro datore di lavoro.

ricordiamo che si può svolgere l'attività formativa pure nei periodi in cui vi è la sospensione dell'attività didattica in base al programma formativo e a ciò che esso stabilisce. si può considerare valida anche l'impresa formativa simulata cioè quando si costituisce un'azienda virtuale formata dagli studenti che svolgono attività di commercio facendo riferimento a un'azienda reale.

Queste agevolazioni per l'assunzione dei giovani non sono state modificate dalla legge di Bilancio 2021.

Anzi, come abbiamo giá accennato, tali agevolazioni contributive potranno riferirsi e quindi essere utilizzate anche con ulteriori eventi incentivati (quali, ad esempio, assunzioni o trasformazioni di rapporti a termine in rapporti a tempo indeterminato di giovani lavoratori under 36), che vi saranno nel periodo tra il 1º Gennaio ed il 30 Giugno 2022. Oltre che, naturalmente, in riferimento all'altra iniziativa, denominata "Decontribuzione Sud", per un periodo ulteriormente prolungato e sempre sino al Giugno del 2022.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Investire in argento: ti spieghiamo perché conviene

Nel bimestre febbraio marzo 2020, si è registrato un incremento del valore dell’argento del 120%. È dunque questo il momento di investire in argento? È davvero conveniente? Secondo l’analisi di investimentifinanziari.net, vi sono tutte le premesse migliori per approfittare di un trend in salita, sapendo che sia l’oro che l’argento sono – in linea di massima – sempre sufficientemente performanti. L’argento, spesso, offre rendimenti migliori dell’oro. Ecco perché!

Partita IVA agricola: quali sono le agevolazioni fiscali?

Partita IVA agricola

Come per tutte le altre attività commerciali o imprenditoriali e autonome, chi intende avviare un’attività agricola, presso l’Agenzia delle Entrate della Provincia dove risiede deve presentare una domanda per la richiesta della partita Iva agricola, della quale una volta che gli viene attribuita, non deve pagare nessun diritto annuale.