Aprire un'attività commerciale in proprio è un'esigenza sentita da molti, giovani e non solo, in quanto permette di evitare quelli che sono i problemi principali di un lavoratore comune a salario, ovvero il dover sottostare ad un responsabile. Oltre a questo problema, si risolve anche quello di avere un salario adeguato alle prestazioni, o di dover aspettare che la paga arrivi secondo quanto stabilito da altri. In più la soddisfazione di gestire un'attività in proprio è senza dubbio un dato di cui tenere conto al momento della scelta del proprio futuro.

Di seguito il menù del nostro articolo:

Per avviare un'attività commerciale sono necessari dei requisiti particolari. Innanzitutto bisogna possedere i requisiti morali e nel caso di attività che operi nel settore alimentare. Al momento della decisione sul tipo di attività da intraprendere, va scelta la forma giuridica dell'azienda, ovvero se ditta individuale oppure società di persone o di capitali. A questo punto bisogna inviare al Comune dove ha sede l'azienda, la comunicazione di inizio attività, tramite modello COM1.

Bisogna poi aspettare un mese prima di partire con l'attività, ma questa data può variare a seconda delle normative regionali di cui bisogna tener conto. Questa procedura di comunicazione della sede va effettuata solo nel caso che il locale occupi uno spazio di 150 mq, per i comuni fino a 10mila abitanti, e 250 mq per gli altri comuni. Se invece il locale ha misure che escono da questi limiti, andrà inviato il modello COM 2. Oltre i 400 mq, occorre anche il certificato di prevenzione incendi.

Finanziamenti del Governo e gli investimenti dei giovani imprenditori per aprire un'attività commerciale

La Legge 488/92 sugli esercizi commerciali al dettaglio o all’ingrosso stabilisce le condizioni di erogazione dei finanziamenti per società commerciali per le quali si intendono quelle attività che non vendono servizi o che producono beni. Si tratta di contributi e prestiti concessi solo ad attività già avviate e per svolgere ristrutturazioni e manutenzioni.

Nello specifico le imprese commerciali che possono presentare domanda per il finanziamento in questione sono:

  • gli esercizi di vendita al dettaglio classificati come esercizi di vicinato, di media e grande struttura;
  • esercizi di vendita all’ingrosso e centri di distribuzione;
  • attività commerciali che effettuano vendita per corrispondenza e/o commercio elettronico;
  • imprese di “servizi complementari” alla distribuzione;
  • società di somministrazione di alimenti e bevande.

I prestiti sono concessi a coloro che vogliono aprire un'attività commerciale in una delle zone da sviluppare e incentivare del territorio nazionale.

Per poter usufruire delle agevolazioni previste dalla legge 488/92, anche il progetto di investimento deve avere determinate caratteristiche, l’investimento deve, infatti, riguardare:

  • la realizzazione di nuovi impianti;
  • il potenziamento delle strutture preesistenti con l’obiettivo di incrementare l’attività produttiva;
  • la conversione di comparti produttivi non rientranti nelle disposizioni di legge per il sostegno alla modifica dei cicli produttivi di impianti esistenti;
  • il rimodernamento della struttura e/o del servizio offerto;
  • la riattivazione di insediamenti produttivi inattivi per lo svolgimento di un’attività analoga a quella precedentemente svolta purché non si tratti del titolare dell’attività inattiva;
  • il trasferimento dell’unità produttiva per decisione dell’amministrazione pubblica centrale o locale ai fini di un piano di riassetto produttivo o di risanamento e valorizzazione ambientale.

I prestiti sono concessi in funzione dell’investimento, delle dimensioni dell’impresa e delle aree territoriali di riferimento. La legge è suscettibile di variazioni annuali e soggetta a diversificazioni territoriali in continua evoluzione, pertanto è bene rivolgersi ad un esperto consulente finanziario

Le difficoltà economiche delle imprese: prestito d'onore e requisiti per accedere alle agevolazioni e aprire un'attività commerciale

Tuttavia non bastano questi finanziamenti per rasserenare una situazione sul limite del drammatico per quanto riguarda le imprese. Come dichiarato infatti da Marco Venturi, Presidente di Rete Imprese Italia, nel Paese sono circa 400 mila le aziende che in fase di apertura o di chiusura hanno un fatturato quasi azzerato.

I principali motivi della crisi delle imprese risiedono nell’elevatissima pressione fiscale (che ha raggiunto il 43%) e nel blocco dell’accesso al credito; questi problemi hanno avuto come conseguenza il rischio chiusura per molte aziende. Sono soprattutto le piccole e medie imprese a subire questa crisi, con l’aggiunta anche delle società a conduzione familiare, che in Italia rappresentano circa la metà del totale.

Servirebbero, conclude Venturi, dei provvedimenti concreti per la ripresa economica, soprattutto sul fronte fiscale. E’ necessaria una sterzata e soprattutto serve dare fiducia a chi vuole aprire un’attività di tipo commerciale, tramite politiche adatte a garantire loro un futuro, che al giorno d’oggi è a tinte sempre più fosche.

Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto 

Aprire un'attività commerciale

Molti ragazzi e ragazze che intendono avviare una nuova attività commerciale, non sanno dell’esistenza di forme diverse di finanziamento. Infatti, si pensa spesso che ci si debba recare in una banca o in una finanziaria per ottenere quanto basta per aprire una nuova impresa commerciale. Niente di più sbagliato, o meglio, bisogna considerare tutte le opportunità e le possibilità che il nostro Paese mette a disposizione dei giovani.

Esistono finanziamenti a fondo perduto, significa, in parole povere che una percentuale del finanziamento che si ottiene non deve essere restituita. Questi tipi di fondi sono stati creati proprio per sostenere l’imprenditoria (per aprire un'attività commerciale) e cercare di avviarci alla conclusione di questa interminabile crisi economica

Imprenditoria giovanile e femminile: presentazione della domanda per aprire un'attività commerciale

L’imprenditoria giovanile e l’imprenditoria femminile sono due dei “settori”, se così possiamo definirli, che hanno maggiori opportunità di accedere a questi fondi. Per quanto riguarda l’imprenditoria giovanile, la distribuzione dei contributi è gestita dagli enti europei, regionali, provinciali e comunali tramite l’emissione di bandi.

L’Unione Europea ha fondato un programma europeo per avvantaggiare l’occupazione e l’avvicinamento dei giovani al mercato del lavoro. Abbiamo parlato anche di incentivi nazionali i quali, attraverso un decreto, dispongono le norme per accedere alle agevolazioni statali previste per l’autoimpiego.

Poi ci sono i fondi regionali: questi ultimi vengono gestiti dagli enti locali come i comuni, le province, la regione e le camere di commercio. Per ottenere queste forme di finanziamento, è necessario fare un progetto, un Business Plan, il quale dovrà contenere informazioni economico/finanziarie, piano marketing e una pianificazione dell’andamento aziendale riguardante i tre anni successivi alla realizzazione del progetto.

L’imprenditoria femminile, come si può comprendere dal nome, richiede una componente femminile, quindi stiamo parlando di ditte individuali gestite da donne, società coop costituite almeno per il 60% da donne, società di capitali le cui quote siano per i 2/3 possedute da donne e infine, imprese, associazioni, consorzi posseduti per almeno il 70% da donne. 

Le imprese costituite devono essere di piccole o medie dimensioni. Per almeno 5 anni dovranno essere mantenuti questi parametri.

Se vuoi approfondire con una testimonianza concreta, dai un'occhiata a questo video che abbiamo selezionato per te

Idee per un’attività, quanto conviene?

Aprire un'attività commerciale

E’ molto difficile e forse al limite dell’impossibile stilare una lista di possibili idee attraenti per aprire un’attività. Questo perché il momento economico odierno induce a una profonda riflessione e soprattutto l’attività appena nata è considerata un rischio in tempi in cui le persone cercano maggiori sicurezze per il proprio futuro.

Quindi parlare di un’idea vincente deve essere comunque valutata attraverso diversi parametri, come per esempio la zona di ubicazione dell’attività, il settore scelto e la relativa concorrenza in quella zona e più in generale le esigenze del mercato. Facendo due esempi, potrebbe essere molto remunerativo aprire un’agenzia immobiliare o un’agenzia di scommesse ma entrambe hanno dei contro da calcolare. Le coppie infatti hanno sempre più difficoltà ad acquistare un immobile ma in questo potrebbe inserirsi lo spirito di saper proporre soluzioni agevolate da parte dell’agenzia.

Per ciò che riguarda le agenzie di scommesse, gli italiani si sa che sono un popolo di giocatori universali, che si parli di Superenalotto, Totocalcio, Lotto o scommesse; ultimamente però anche le scommesse, soprattutto quelle sull’ippica, sono calate notevolmente per il minor potere d’acquisto delle famiglie. Un’idea che potrebbe riscuotere successo potrebbe essere, invece, la vendita di oggetti di elettronica, visti anche gli ultimi episodi che hanno visto centinaia di persone fare a gara per comprarsi un tablet, un Iphone o l’ultima innovazione tecnologica.

I finanziamenti a fondo perduto per aprire un'attività commerciale

Per incentivare i giovani a concretizzare le proprie idee per aprire una nuova ditta, il Governo ha promosso una serie di finanziamenti, dei quali il 50% a tasso agevolato e il restante 50% a fondo perduto. La novità proposta dall’esecutivo cerca di far uscire dalla stagnazione l’economia italiana e invertire il trend che vede molti negozi chiudere, o per i canoni d’affitto troppo alti o per la mancanza di incassi adeguati.

La novità prevista dal decreto liberalizzazioni permette l’apertura di un ssrl (società semplificata a responsabilità limitata) al costo di un solo euro, con l’esclusione delle iniziali spese notarili. termina qui il nostro approfondimento su come si procede per aprire un'attività commerciale. Speriamo ti sia stato utile.

Rispondiamo alle FAQ degli utenti

  • Che tipo di attività aprire oggi?
  • Quali sono le attività più redditizie?
  • Quanti soldi ci vogliono per aprire un'attività?
  • Quanto costa la licenza di un negozio?
  • Come aprire un negozio partendo da zero?

Risposte

  • Le attività più in voga nel 2022 sono Vendere servizi di marketing, aprire un negozio online, vendere corsi online, lavorare come influencer, offrire servizi di design, creare siti web, lavorare come Virtual Assistant.
  • Aprire un e-commerce, fare il programmatore Informatico, lavorare come esperto di Cybersecurity, fare il trader Online, essere consulente Finanziario.
  • Per aprire un negozio, di qualsiasi tipologia si tratti, si dovrà disporre di un budget di almeno 20.000 euro. L'investimento all'inizio si attesta tuttavia tra i 30.000 ed i 50.000 euro.
  • In media una licenza di apertura di un'attività commerciale costa tra i 430€ fino ai 2.000€.
  • Per prima cosa devi aprire una partita iva, poi la posizione INPS e INAIL. In seguito bisogna segnalare l'apertura dell'attività presso il Comune di Residenza. Infine dovrai iscriverti al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio della tua provincia.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Partita IVA agevolata: quali sono i requisiti per ottenerla?

Chiunque abbia intenzione di aprire una nuova attività, oppure ha bisogno di aprire la partita Iva per svolgere un lavoro da libero professionista, può usufruire del regime agevolato previsto dalle norme fiscali.

Codice NACE: ecco come si legge e cosa significa

Immagine esemplificativa sul Codice Ateco

Le attività commerciali hanno importanza sul piano statistico a livello locale, nazionale ed europeo per valutare anche il volume degli scambi, nonché il numero delle attività presenti sul territorio e il loro stato di benessere; con l’apertura dei confini e del libero scambio, l’Unione Europea ha pensato di armonizzare gli istituti di statistica nazionali e di creare un proprio organo di analisi – Eurostat – e definire una nomenclatura più puntuale alle varie attività e realtà imprenditoriali da adottare nei singoli Stati Membri. Nasce così in sintesi la nomenclatura con i codici NACE, che andremo ad approfondire di seguito.