Oggi vi spieghiamo cosa si intende quando sentite "Azienda in liquidazione". Liquidazione è una parola che si sente spesso e che viene declinata in molti modi. Ciò di cui ci occupiamo qui è la liquidazione di una SRL. Rappresenta la fine di un rapporto patrimoniale. Le operazioni di buonuscita sono quelle attività aziendali attraverso cui si vendono tutti i beni, si riscuotono i crediti e si pagano i debiti pendenti.

Di seguito l'elenco degli argomenti che tratteremo:

Può avvenire per tantissimi motivi: o perché l'imprenditore ha raggiunto i fini per cui aveva costituito l'azienda, o per disfunzioni aziendali non sanabili, per la cessione o la fusione dell'azienda, impedimenti di legge a proseguire l’attività, la morte dell’imprenditore . Un'ulteriore divisione è quella fra liquidazione volontarie e coatte. Quelle volontarie intuitivamente sono quelle in cui l'impresa o l'azienda viene liquidata per precisa volontà dell'imprenditore che vi aveva dato vita. Quelle involontarie invece accadono in casi limite quali insolvenza o per rilevanti illeciti amministrativi riscontrati, ed è imposta dai tribunali. Vediamo meglio in cosa consiste la liquidazione di una SRL.

Le diverse fasi della Liquidazione di una SRL o di una SNC

Le fasi di quest'operazione sono fondamentalmente quattro, vediamole nel dettaglio. La prima fase sta nell'inventario dei beni dell'azienda secondo il loro valore presunto e nella stilazione dei debito che questa ha contratto e non saldato. La seconda fase è la gestione vera e propria della liquidazione, ossia quel momento in cui tutto il patrimonio viene monetarizzato. Una volta svolta questa operazione viene stilato un piano di ripartizione: i debiti vengono saldati, e se vi sono rimanenze di denaro esse vengono ripartire entro i soci, nel caso in cui si tratti di una società o versate all'imprenditore. Nell'ultima fase si compila un rendiconto finale di buonuscita che viene approvato dal tribunale. Che ruolo ha il liquidatore nella liquidazione di una SRL?

Azienda in liquidazione presso il registro delle imprese: Il liquidatore e i requisiti. Come chiudere una srl

Il liquidatore è il funzionario preposto alle indagini sugli affari finanziari della società che deve stabilire le cause della liquidazione ed indagare su eventuali illeciti. Il suo obiettivo primario è, una volta accertatosi l'illecito, vendere i beni dell'azienda per risarcire i creditori. Nei casi coatti invece, il liquidatore è detto curatore ed è nominato d'ufficio dal tribunale. Proseguiamo a parlare della liquidazione di una SRL.

Come liquidare volontariamente un'azienda. Ecco la procedura e i suoi adempimenti per la giovane imprenditoria

Se parliamo di liquidazione volontaria, il primo passo, come visto, è proprio quello della nomina del liquidatore. Il suo compito iniziale sarà quello di chiudere attivi e passivi, stilare il bilancio di chiusura e gestire eventuali cause o controversie.Tutta la documentazione, per almeno 5 anni dalla chiusura effettiva, devono essere conservati e messi a disposizione dell'Agenzia delle Entrate nel caso di verifiche.

Azienda in liquidazione: la legge italiana in materia per SRL e SPA

Liquidazione di una SRL

Le norme sono contenute nel codice civile. In particolare si parla di società semplice negli articoli 2274 e seguenti; di società in nome collettivo nell'articolo 2308 e di società in accomandita semplice all'articolo 2315. Per quanto riguarda le cause per lo scioglimento di una azienda, esse sono citate all’articolo 2484 del codice.

Liquidazione di una SRL. Quando mettere in liquidazione una società? E con le tasse?

In questo momento di grave difficoltà economica non è più una notizia purtroppo la chiusura di aziende o imprese. Secondo i dati di Unioncamere, sono ben 26 mila le imprese in meno nel primo trimestre del 2012. In questo articolo approfondiremo il discorso relativo alla liquidazione di una società srl.

Azienda in liquidazione: le tre fasi per chiudere una ditta. Quali documenti servono? Occorre scrivere le causa di scioglimento?

La liquidazione di una SRL si articola in tre fasi:

  • Nomina dei liquidatori (specificare il numero dei liquidatori): quando si decide di farlo per difficoltà economiche, il primo passo è la nomina dei liquidatori. La nomina spetta all’assemblea dei soci, che può conferire l’incarico anche agli amministratori stessi della società. L’assemblea dei soci inoltre dovrà determinare con esattezza i poteri degli amministratori: successivamente, i liquidatori saranno tenuti alla consegna dei libri sociali e della situazione contabile della società.
  • Liquidazione vera e propria: i liquidatori, dopo aver ottenuto l’incarico dall’assemblea dei soci, possono passare all’atto pratico, ossia quello di pagare gli eventuale creditori. In questa fase la srl è tenuta obbligatoriamente a dichiarare negli atti che si trova in questa fase transitoria.
  • Chiusura: terminate le pratiche relative ai creditori, si procede alla chiusura della società, con la stesura del bilancio finale e l’eventuale attivo del piano di riparto. Il bilancio deve essere approvato dall’assemblea dei soci, che deciderà anche sulla divisione dell’utile dell’attivo.

Queste sono le fasi salienti per liquidare una società a responsabilità limitata, a cui seguiranno i passi relativi alla cancellazione e all’estinzione della stessa. Abbiamo capito come avviene la liquidazione di una SRL ma di cosa si tratta?

Perché non farlo se garantisci i debiti della tua Azienda nel rendiconto sulla gestione

Ma cos'è a tutti gli effetti una SRL? Quando chiudere una srl con debiti? Che fine fa il patrimonio sociale?

lavoro social media

Le ditte di questo tipo rientrano nel più ampio discorso delle società di capitali: si tratta di personalità giuridiche dotate di una propria autonomia patrimoniale, definita "perfetta". Nella maggior parte dei casi, è quella forma societaria più utilizzata da chi deve realizzare una forma di impresa per compiere le normali attività economiche, ovviamente a fini di lucro.

La caratteristica più rilevante di una SRL è quella di godere, come abbiamo visto, di una completa autonomia patrimoniale, e dunque di poter pagare tutte le spese attraverso il proprio capitale e le disponibilità economiche di cui è in possesso. In questo modo, i soci che ne fanno parte, vedono tutelarsi il proprio capitale personale e non sono costretti ad effettuare prestiti alla propria società in caso di difficoltà economiche della stessa. Se dovesse accadere il contrario, ovvero la società a responsabilità limitata si avvia verso il fallimento, i singoli soci che ne fanno parte non vengono intaccati dal punto di vista giuridico e finanziario e mantengono una posizione intatta di fronte al fisco e agli istituti di credito.

Per dare il via ad una società a responsabilità limitata, è necessario un capitale minimo di 10.000 euro, un quarto del quale deve essere depositato in un conto corrente bancario intestato alla stessa, a meno che non ci sia un socio unico, il quale dovrà versare l’intera quota del capitale sociale.

Tutte le decisioni strategiche, dalla modifica dello statuto ad altre norme di regolamentazione interna, vengono decisi dall’assemblea dei soci che hanno investito nel progetto; per registrare tutte le variazioni e la storia, dal punto di vista della contabilità annuale, è fondamentale provvedere alla compilazione (facendo riferimento a esperti del settore o ad un commercialista) del bilancio contabile, il quale viene approvato dall’assemblea societaria e spedito alla camera di commercio di riferimento.

Per conoscere proprio tutto sull’argomento vi consigliamo di dare un’occhiata approfondita al testo: Il manuale delle Srl

Azienda in liquidazione: gli esempi italiani di SRL liquidate

Come anticipato nell’introduzione, purtroppo stanno aumentando sempre di più le società messe in buonuscita. Le cause sono tra le più varie e toccano tutti i settori, dalla movimentazione ferroviaria al basket fino alle aziende litografiche.

E i dipendenti con stipendi arretrati di una ditta in liquidazione? E il pagamento dei debiti?

Per quest’ultimo caso si può fare come esempio la difficile situazione che stanno vivendo gli ex dipendenti di Grafiche Gercap s.r.l, storica azienda del foggiano, messa in liquidazione dall’imprenditore Cappetta: i dipendenti sono stati privati non solo degli stipendi ma anche dei trattamenti come la cassa integrazione o altre forme di ammortizzatori sociali. Passando al basket, i debiti pari a 22 milioni di euro hanno stroncato la Livorno Basket

Speriamo di aver chiarito i vostri dubbi sulla liquidazione di una SRL

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Le partite IVA comunitarie: tutte le informazioni di cui avete bisogno

Compilazione della partita iva comunitaria

La partita IVA comunitaria è un particolare codice che ha ricevuto l’autorizzazione da parte dell’Agenzia delle Entrate per operare con l’estero, più in particolare con i paesi facenti parte dell'Unione Europea.

Il codice RAE, a cosa serve veramente e come usarlo

Le imprese sono classificabili in base al loro settore commerciale e merceologico attraverso dei codici. Le imprese italiane afferenti al circuito europeo hanno l’obbligo di citare nelle loro transazioni e soprattutto nelle dichiarazioni il proprio codice merceologico univoco: il codice ATECO è in Europa un sistema identificativo uniformato e da tempo riconosciuto e adottato, tuttavia il sistema bancario ha da sempre la necessità di classificare le attività delle imprese in un’ottica di valutazione sul merito creditizio e la concessione del fido.