Siamo la generazione del web, della tecnologia, dei PC sempre in uso e dei cellulari in mano: siamo anche una generazione abituata a fare tutto su internet, tra cui comprare farmaci sul web o aprire Parafarmacie online. Gli e-commerce di farmaci online sono noti con il termine di Parafarmacie: un modo utile per avviare un business dimezzando i costi. 

Per comprendere il meccanismo delle farmacie online, possiamo prendere come spunto e riferimento eFarma, la prima parafarmacia a essere ufficialmente aperta sul web. Dal 2013, la sua missione è di vendere prodotti per la salute e non solo, in quanto sono presenti nello shop anche creme di bellezza, integratori e tanto altro.

Oltretutto, con il codice sconto eFarma, si ha l’occasione, mediante Bravosconto, di scaricare e applicare un coupon per risparmiare sugli acquisti sullo shop. Vediamo come funzionano gli E-Commerce dedicati ai farmaci da banco: quali sono i vantaggi e la normativa italiana.

E-Commerce di farmaci online: come funzionano?

Se vuoi aprire una farmacia online, le opportunità di crescita sono molto interessanti, ma non puoi assolutamente improvvisare in questo settore. Durante il 2020, gli acquisti presso le farmacie online sono notevolmente incrementati. Dopotutto, lo abbiamo anticipato: tutto ciò che desideriamo al giorno d’oggi è a portata di un semplice clic.

Un aspetto da sapere prima di aprire un negozio di farmaci online è la competenza, oltre che la competitività del settore. Avere uno store di medicinali online dinamico, con una grande offerta e un catalogo vasto di prodotti ti aiuterà certamente a non andare in perdita e recuperare i costi dell’investimento iniziale abbastanza in fretta.

Dal 1 luglio 2015, è possibile vendere online prodotti parafarmaceutici oltre che farmaceutici: è il Ministero della Salute stesso a sottolineare che la vendita è aperta per cosmetici, integratori, medicinali senza obbligo di ricetta (oppure omeopatici) e infine dispositivi medicali.

Cosa dice la normativa italiana sui farmaci online?

A chiarire la questione è l’Istituto Superiore di Sanità, che ha risposto in una FAQ importante: è sempre sicuro e legale l’acquisto dei medicinali sul web? In realtà, la normativa italiana è molto esplicita a riguardo: possono essere venduti online unicamente farmaci che non richiedono la prescrizione medica. Inoltre, la parafarmacia deve avere avuto un’autorizzazione dal Ministero della Salute prima di aprire l’E-Commerce.

Prassi per aprire una Parafarmacia online

Dopo aver fatto riferimento alla normativa italiana, è importante capire come aprire effettivamente un E-Commerce per parafarmacia. Che cosa si deve fare? La prassi non è lunga, ma deve essere seguita alla lettera, altrimenti potresti incorrere in problemi abbastanza seri.

aprire-parafarmacia-online.jpg

Prima di tutto, dovrai inviare una richiesta ufficiale all’Autorità Territoriale Competente. Dovrai in seguito ottenere l’autorizzazione del Ministero della Salute: ti sarà conferito infatti il Logo Sicurezza Nazionale, che potrai applicare sulle pagine web della tua Parafarmacia online.

Il modulo per la richiesta al Ministero della Salute si trova anche online: puoi inoltrarlo mediante un indirizzo di Posta Elettronica Certificata – PEC – includendo tutti i documenti necessari e richiesti. La procedura in sé non è lunga: solitamente, il Ministero della Salute concede l’autorizzazione in 30 giorni e non sono previsti dei costi.

I vantaggi dell’aprire una parafarmacia online

Se vuoi aprire un negozio online, devi naturalmente essere pronto a investire su alcuni aspetti fondamentali. Avrai bisogno di una piattaforma per vendere sul web, di un esperto SEO che possa indicizzare le pagine, di un consulente marketing per sfruttare la potenza dei Social Network e farti pubblicità.

L’organizzazione di una Parafarmacia online coinvolge diversi esperti e figure professionali. È anche un modo per offrire lavoro, o per trovarne uno: se sei un farmacista, avere un tuo E-Commerce ti porterà a incrementare i tuoi profitti.

  •       Costi dell’inventario e di magazzino dimezzati
  •       Possibilità di offrire sconti e promozioni
  •       Sfruttamento delle moderne strategie di marketing
  •       Fidelizzazione al cliente elevata
Autore: Enrico Mainero
Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico di ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).

Altri articoli che potrebbero interessarti

Dichiarazione sostitutiva: ecco come e quando si usa

La dichiarazione sostitutiva è stata introdotta con il D.P.R. 445/2000 per agevolare i cittadini che entrano in contatto con la P.A. (Pubblica Amministrazione) i quali possono autocertificare alcuni dati personali. I certificati rilasciati dalla P.A. sono utilizzabili solo nei rapporti con i privati. Le dichiarazioni sostitutive hanno la stessa validità temporale degli atti emessi dalla P.A.