Il bilancio aziendale è un documento fondamentale e obbligatorio istituito dall’art. 2423 del Codice Civile composto da uno schema obbligatorio da seguire e che racchiude le informazioni chiave di un’azienda, ma soprattutto il suo stato di salute e l’andamento degli affari.

Quando si avvia un’attività commerciale è importante che l’imprenditore – che obbligatoriamente deve apporre la propria firma sul bilancio annuale - sia in grado di leggerlo, interpretarlo – se non redigerlo – per poter essere in grado di fare le scelte ottimali per l’azienda, per un maggiore controllo delle finanze e del patrimonio e non lasciare in mano a terzi la redazione di un documento così importante per l’azienda. Scopri con noi  come leggere un bilancio.

Quali sono le parti che compongono un bilancio aziendale

Il bilancio aziendale racchiude le informazioni patrimoniali, finanziarie ed economiche di un’impresa. Le operazioni contabili possono coincidere con l’anno solare (dal 1 gennaio al 31 dicembre) oppure no: è una scelta dell’azienda. A seconda delle dimensioni aziendali e del volume di affari, il documento può essere un fascicolo di poche pagine o un documento di centinaia di pagine. Nel caso di aziende quotate in borsa, i bilanci devono essere resi pubblici per motivi di trasparenza verso i soci e tutte le persone coinvolte nell’impresa che a vario titolo necessitano di sapere l’andamento della società: si tratta dei cosiddetti stakeholders che possono essere i dirigenti stessi, i soci, i finanziatori, gli investitori, i fornitori e chiunque abbia interessi nell’azienda. Per sapere  come leggere un bilancio bisogna conoscere come so compone.

Un bilancio aziendale – indipendentemente dalla grandezza dell’azienda – si compone di tre parti:

  1. Lo stato patrimoniale: che mette in evidenza il patrimonio dell’azienda al termine di un anno di esercizio e si compila rispettando uno schema obbligatorio definito per legge costituito da due sezioni: a sinistra si segna l’attivo e a destra il passivo. Sotto la voce dell’attivo si elencano le attività e gli investimenti, mentre sotto la voce del passivo di inseriscono le richieste di finanziamento e altre fonti di finanziamento.
  2. Il conto economico: riporta la differenza tra ricavi e costi e evidenzia il risultato economico raggiunto dalla società nell’esercizio di un anno. Se il conto economico è positivo si parla di utili che vanno a incrementare il capitale netto; se, invece, il conto è negativo si parla di perdite con conseguente depauperamento del capitale aziendale.
  3. La nota integrativa: illustra e analizza ciò che viene riportato schematicamente o graficamente nei precedenti documenti e fornisce informazioni aggiuntive con lo scopo di descrivere e spiegare i dati dei documenti contabili, spiegare le decisioni che hanno condotto a determinate scelte e valutazioni, illustrare strategie e prospettive future, e qualsiasi altra informazione extracontabile ma utile a illustrare l’andamento societario.

Ecco come leggere un bilancio aziendale studiando le parti nel dettaglio

Come leggere un bilancio

Il bilancio aziendale -  pur essendo un documento unico – si compone di tre parti distinte, ma dialoganti tra loro la cui interpretazione deve essere tuttavia chiara e univoca.

Lo stato patrimoniale

In uno schema si fornisce la fotografia della situazione aziendale alla chiusura dell’esercizio annuale: nella sezione di sinistra si iscrive l’”attivo” ovvero tutte le attività, i beni e le proprietà possedute dall’azienda come i fabbricati, i macchinari, le attrezzature, le dotazioni tecnologiche e innovative che si utilizzano per lo svolgimento dell’impresa, nonché eventuali crediti che si vantano presso clienti o terzi, le disponibilità liquide come la cassa, i saldi attivi dei conti correnti.

Nella sezione di destra si riportano le passività, le uscite subite dall’azienda nel corso dell’attività come i debiti contratti verso terzi, fornitori e banche. Sempre nella sezione di sinistra sotto le passività, si riporta il capitale netto che è la differenza data tra gli attivi e i passivi e a sua volta rappresentato dai diritti dei proprietari/soci sui beni dell’azienda e suddivisi nelle voci di:

  • Utili;
  • Riserve;
  • Capitale sociale.

L’insieme costituisce il capitale netto aziendale e quindi lo Stato patrimoniale.

Il conto economico spiega  come leggere un bilancio 

Lo Stato patrimoniale evidenzia la solidità dell’impresa e la condizione finanziaria. Il conto economico, invece, riporta i costi sostenuti e i ricavi conseguiti rivelando la situazione economica dell’impresa. La differenza tra i costi e i ricavi produce un risultato che in positivo si definisce “utile”, in negativo si chiama “perdita”. Il vero e proprio bilancio. Lo schema del conto economico si raffigura nel modo seguente:

Le caratteristiche di un conto economico sono dunque:

  • La forma espositiva a scalare che permette di evidenziare i risultati economici intermedi quali la gestione ordinaria, finanziaria, straordinaria.
  • La classificazione dei costi in base alla loro ragione economica.

Dai ricavi totali – ovvero dalle entrate dell’impresa dovute dalla vendita di beni, servizi e prodotti – si devono detrarre i costi e le spese che si sostengono per lo svolgimento di impresa (l’acquisto delle materie prime per la produzione dei beni e servizi forniti, le spese relative ai salari/stipendi dei dipendenti, gli affitti, le forniture, eventuali mutui, gli interessi sui prestiti, nonché le imposte. La differenza tra costi e ricavi è il risultato dello stato economica aziendale:

  • Se i ricavi sono superiori ai costi si parla di utile di esercizio e l’azienda quindi registra dei guadagni ed è in attivo;
  • Se i ricavi sono inferiori ai costi si parla di perdita di esercizio, l’azienda quindi non ha guadagnato ed è in passivo.

Le attività e le passività sono l’elemento di raccordo tra il conto economico e lo stato patrimoniale. Se gli utili non vengono ridistribuiti tra i soci, confluiscono automaticamente nel patrimonio aziendale andando ad alimentare il capitale netto.

La nota integrativa

È il documento finale che serve a sintetizzare, interpretare e integrare il bilancio. In essa devono essere riportate tutte le informazioni come espressamente richieste dall’art. 2427 comma 1 del Codice Civile e, in aggiunta, altre informazioni utili a rappresentare correttamente e inequivocabilmente la situazione aziendale e per una migliore comprensione del bilancio di esercizio.

Perché è importante saper leggere un bilancio 

Dopo aver visto da cosa è composto il bilancio aziendale, cerchiamo di capire perché è importante saperlo leggere. Se si è un investitore, prima di compiere un qualsiasi tipo di investimento, occorre ovviamente capire cosa si sta comprando. Saper leggere un bilancio aziendale, allora, aiuta a scegliere come e dove orientare i propri investimenti. Se ad esempio si vuole investire su un titolo azionario, sarà bene informarsi sul bilancio della società in questione, andando a valutare alcuni parametri fondamentali, come il patrimonio netto, il cosiddetto cash flow, ma anche gli oneri finanziari e i ricavi. Saper leggere un bilancio aziendale è fondamentale anche nel caso in cui si è un piccolo imprenditore, a dispetto del sentire comune. Comprendere i numeri della propria ditta è di notevole importanza per compiere le scelte più appropriate. Se, ad esempio, occorre chiedere un finanziamento in banca, conoscendo il proprio bilancio, si avrà anche maggiore lucidità su cosa aspettarsi e cosa no. 

In ogni caso, che si tratti di un investimento o della propria impresa, analizzare un bilancio è fondamentale per fotografare in modo realistico la situazione di un’azienda. Questo vuol dire saper interpretare le voci più importante che lo compongono, così da poter affrontare qualunque decisione aziendale in modo lungimirante e sereno. Ecco, allora, che saper leggere un bilancio aziendale significherà comprendere quali sono i parametri che condizionano la gestione e la determinazione dell’utile di bilancio, distinguere i ricavi dalle vendite, poiché i due andamenti non sempre e non necessariamente coincidono. Vuol dire anche conoscere gli aspetti finanziari della gestione imprenditoriale, evitando così di far confusione coi numeri e analizzare i competitor in modo preciso e dettagliato. Infine, significa anche comprendere quali investimenti fare, quanto e se esporsi finanziariamente con la banca e con i propri clienti e imparare a gestire il flusso di cassa nel modo giusto. In ultimo, vuol dire dialogare con il proprio commercialista.

Speriamo che la nostra guida su come leggere un bilancio vi sia stata utile. 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Investimento in criptovalute: cosa conosci di questo mondo?

cripto.jpg

Sono tempi molto strani per chi avesse voglia di investire i propri soldi: sappiamo che il mercato immobiliare è in crisi, ad esempio. Certo, non in tutta Europa, ma se non abbiamo i mezzi per lanciarci nell'acquisto di un appartamento in una grande città europea, perché la gentrificazione non ci attrae nemmeno un po', magari, o forse perché i prezzi sono davvero troppo alti per noi, il mercato estero potrebbe non fare al caso nostro e quello italiano risulta essere piuttosto stagnante.

Come ottenere una PEC gratuita: ecco una guida imperdibile

imprenditoria femminile

PEC è l’acronimo di Posta Elettronica Certificata e dal 30 giugno 2013 è obbligatoria per tutte le imprese, incluse le ditte individuali, e per i cittadini privati che interagiscono con la Pubblica Amministrazione.