La regione Campania, ha pubblicato il bando per poter accedere al Fondo rotativo Selfiemployment per promuovere attività lavorative per soggetti svantaggiati e accedere a finanziamenti a fondo perduto in Campania. Garanzia Giovani Campania, ha a disposizione fondi per quasi 15 milioni di euro con i quali intende sostenere il fine di giovani N.E.E.T. cioè avviare nuovi progetti imprenditoriali nel Sud.

Finanziamenti a fondo perduto in Campania: come aderire al bando

Tutti coloro che sono iscritti al Programma Garanzia Giovani Campania con i seguenti requisiti, possono presentare la domanda:

  • abbiano compiuto 18 anni;
  • non sono iscritti corsi di studio di qualsiasi tipo.
  • non sono inseriti in percorsi di tirocinio curriculari o extracurriculari;
  • disoccupati;
  • residenti in Campania;
  • hanno aderito e completato il programma Garanzia Giovani

Possono aderire e presentare la domanda

  • imprese individuali, società di persone, società cooperative
  • Non sono ammessi soggetti che vogliono rilevare imprese già esistenti.

Il finanziamento che la Regione Campania eroga sono rivolti all’attuazione di progetti di impresa per tutti i settori, commerciali, produttivi e artigianali e fornitura di servizi, con esclusione della pesca, acquacoltura, produzione di prodotti agricoli, attività riguardanti lotterie, scommesse e case da gioco.

Agevolazioni Fondo rotativo Selfiemployment

Il Fondo rotativo Selfiemployment come agevolazioni offre finanziamenti a fondo perduto in Campania a copertura del 100% delle spese ammissibili al netto di Iva, senza interessi e garanzia:

  • microcredito, importi da 5.000 a 25.000 euro;
  • microcredito esteso, da 25.001 a 35.000 euro;
  • piccoli prestiti, da 35.001 a 50.000 euro.

Le spese di investimento si devono riferire esclusivamente a:

  • oggetti, macchine;
  • beni immateriali, brand;
  • ristrutturazione di immobili, nella misura del 10% degli investimenti ammessi;
  • spese di avvio dell’attività 
  • prestazione di garanzie assicurative;
  • salari e stipendi.

Le domande si presentano sul sito Invitalia: dalle ore 12 del 01/03/2016.

A fondo perduto

finanziamenti a fondo perduto in Campania fino a 40.000 euro per l’attuazione di progetti di supporto domiciliare a minori, anziani e disabili. Riguarda minori di età da 0 a 36 mesi e anziani sopra i 65 anni che rispondono alle seguenti caratteristiche:

  • sostegno per i servizi sociali ed educativi per la prima infanzia di pre e post accoglienza
  • Interventi a favore di anziani sopra i 65 anni e dei disabili:
  • sostegno alle forme aggregative di auto aiuto e di contrasto all’isolamento e alla solitudine;
  • servizi di e-care come telesoccorso e tele-assistenza;
  • consulenze e contributi per l’allestimento di ausili tecnologici finalizzati al miglioramento delle condizioni di vita delle persone non autosufficienti e per facilitare il lavoro di cura;
  • promozione di percorsi di vita indipendente e sana;
  • sperimentazione di forme di volontariato

Finanziamenti a fondo perduto in Campania: chi può presentare domanda

Finanziamenti a fondo perduto in Campania

Le categorie che possono presentare domanda per ottenere i finanziamenti a fondo perduto in Campania sono le seguenti:

  • fondazioni;
  • cooperative sociali;
  • enti di patronato;
  • associazioni e gli enti di promozione sociale;
  • organizzazioni di volontariato;
  • organismi della cooperazione;
  • Privati no-profit.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Verifica del codice fiscale: un approfondimento che non puoi perderti

Verifica del codice fiscale

Spesso lo utilizziamo per fare diverse operazioni più o meno importanti, dalla compilazione di un modulo in banca fino alla presentazione di una documentazione cartacea per un concorso, tuttavia il codice fiscale è un elemento di cui non sempre ci rammentiamo. Forse tutto ciò è dovuto alla caratteristica presenza di lettere e numeri vari che lo contraddistinguono. In taluni casi, magari per questioni di lavoro, poi si rende necessario eseguire una verifica del codice fiscale proprio o di un'altra persona, per accertarne l'esattezza.

Registro delle imprese: sai di cosa stiamo parlando?

Il sito è accessibile anche dai dispositivi mobili come tablet e smartphone, permettendo alle imprese di accedere gratuitamente alle proprie informazioni e di consultare le banche dati camerali, nonché gestire le proprie pratiche. Il sito del Registro delle Imprese è realizzato e gestito da InfoCAmere per conto delle Camere di Commercio e permette l’accesso unico tramite SPID per visualizzare atti, bilanci, pratiche e molte altre informazioni aziendali di interesse.