La regione Campania, ha pubblicato il bando per poter accedere al Fondo rotativo Selfiemployment per promuovere attività lavorative per soggetti svantaggiati e accedere a finanziamenti a fondo perduto in Campania. Garanzia Giovani Campania, ha a disposizione fondi per quasi 15 milioni di euro con i quali intende sostenere il fine di giovani N.E.E.T. cioè avviare nuovi progetti imprenditoriali nel Sud.

Finanziamenti a fondo perduto in Campania: come aderire al bando

Tutti coloro che sono iscritti al Programma Garanzia Giovani Campania con i seguenti requisiti, possono presentare la domanda:

  • abbiano compiuto 18 anni;
  • non sono iscritti corsi di studio di qualsiasi tipo.
  • non sono inseriti in percorsi di tirocinio curriculari o extracurriculari;
  • disoccupati;
  • residenti in Campania;
  • hanno aderito e completato il programma Garanzia Giovani

Possono aderire e presentare la domanda

  • imprese individuali, società di persone, società cooperative
  • Non sono ammessi soggetti che vogliono rilevare imprese già esistenti.

Il finanziamento che la Regione Campania eroga sono rivolti all’attuazione di progetti di impresa per tutti i settori, commerciali, produttivi e artigianali e fornitura di servizi, con esclusione della pesca, acquacoltura, produzione di prodotti agricoli, attività riguardanti lotterie, scommesse e case da gioco.

Agevolazioni Fondo rotativo Selfiemployment

Il Fondo rotativo Selfiemployment come agevolazioni offre finanziamenti a fondo perduto in Campania a copertura del 100% delle spese ammissibili al netto di Iva, senza interessi e garanzia:

  • microcredito, importi da 5.000 a 25.000 euro;
  • microcredito esteso, da 25.001 a 35.000 euro;
  • piccoli prestiti, da 35.001 a 50.000 euro.

Le spese di investimento si devono riferire esclusivamente a:

  • oggetti, macchine;
  • beni immateriali, brand;
  • ristrutturazione di immobili, nella misura del 10% degli investimenti ammessi;
  • spese di avvio dell’attività 
  • prestazione di garanzie assicurative;
  • salari e stipendi.

Le domande si presentano sul sito Invitalia: dalle ore 12 del 01/03/2016.

A fondo perduto

finanziamenti a fondo perduto in Campania fino a 40.000 euro per l’attuazione di progetti di supporto domiciliare a minori, anziani e disabili. Riguarda minori di età da 0 a 36 mesi e anziani sopra i 65 anni che rispondono alle seguenti caratteristiche:

  • sostegno per i servizi sociali ed educativi per la prima infanzia di pre e post accoglienza
  • Interventi a favore di anziani sopra i 65 anni e dei disabili:
  • sostegno alle forme aggregative di auto aiuto e di contrasto all’isolamento e alla solitudine;
  • servizi di e-care come telesoccorso e tele-assistenza;
  • consulenze e contributi per l’allestimento di ausili tecnologici finalizzati al miglioramento delle condizioni di vita delle persone non autosufficienti e per facilitare il lavoro di cura;
  • promozione di percorsi di vita indipendente e sana;
  • sperimentazione di forme di volontariato

Finanziamenti a fondo perduto in Campania: chi può presentare domanda

Finanziamenti a fondo perduto in Campania

Le categorie che possono presentare domanda per ottenere i finanziamenti a fondo perduto in Campania sono le seguenti:

  • fondazioni;
  • cooperative sociali;
  • enti di patronato;
  • associazioni e gli enti di promozione sociale;
  • organizzazioni di volontariato;
  • organismi della cooperazione;
  • Privati no-profit.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Codici ATECO: a cosa servono? Ecco un loro elenco

Il codice ATECO è un codice alfanumerico (composto da numeri e lettere) che identifica un’attività economica. L’elenco dei codici ATECO serve per classificare le attività economiche ai fini statistici e fiscali.

Costi di apertura di una S.R.L: breve guida per avviare un'impresa

Costi di apertura di una S.R.L

L'apertura di una s.r.l può avvenire sia mediante contratto sia con atto unilaterale. Le quote di partecipazione determineranno anche il dividendo degli introiti generati. Se partecipo alla creazione della suddetta società con una quota pari al 60%, il mio guadagno alla fine dell’anno sarà pari a tale percentuale. La costituzione avviene per atto pubblico, alla presenza di un notaio, e deve contenere le indicazioni dell’art. c.c. 2463.