I finanziamenti della Regione Emilia Romagna sono gestiti direttamente dalla Regione in funzione dei fondi messi a disposizione dalla Comunità Europea. Sono strutturati sulla base di un programma pluriennale presentato dalla stessa Regione ed approvato dalla commissione europea. Andiamo a conoscere meglio il piano attualmente in vigore.

Il piano dei fondi 

Nell’ottica dei contributi della Regione Emilia Romagna, il piano prevede l'accesso a quattro fondi europei principali. Tali fondi sono il riferimento per la costituzione di altri mini fondi e bandi creati sulla base di queste quattro macroaree. Il primo è il fondo sociale europeo. Il fine ultimo è quello di sostenere lo sviluppo socio-economico dei paesi membri della Comunità Europea: piena occupazione, sostegno delle fasce più deboli dei lavoratori, aumento della qualità del prodotto aziendale.

Il secondo è il fondo europeo agricolo e di sviluppo rurale. In questo caso i fondi sono destinati alla promozione, a livello europeo, dei prodotti e dello sviluppo rurale nell’Unione Europea. Il terzo è il fondo europeo di sviluppo regionale. Questo fondo si intende destinato al riequilibrio delle differenze di produttività tra le varie regioni europee nell’ottica di uno sviluppo sostenibile e del mantenimento ed incremento dei posti di lavoro.

Il quarto è il fondo europeo pesca. Quest’ultimo fondo è stato creato ed approvato successivamente per la conservazione ambientale e per la correzione dello sfruttamento delle risorse ittico-idriche nei territori interessati. Le imprese e i cittadini possono accedere ai fondi sopracitati mediante bandi provinciali e regionali.

Microcredito

Attraverso il fondo di microcredito, istituito a Marzo 2017, la regione Emilia Romagna vuole promuovere e finanziare le nuove imprese autonome, di liberi professionisti e di micro impresa. Queste piccole attività potranno richiedere, per lo sviluppo delle loro iniziative, la possibilità di attingere ai 2 milioni di auro del fondo. Questo credito è viene messo a disposizione dalla regione per far aumentare la forza e la credibilità delle piccole attività.

Il credito, gestito dalla società Unifidi, sarà possibile utilizzarlo per l’acquisizione di beni, per la partecipazione a corsi di formazione e potrà essere destinato allo sviluppo dell’attività come ad esempio le nuove assunzioni. Faranno parte anche gli investimenti sull’innovazione e sull’organizzazione. Si potrà presentare la domanda fino al 31 Dicembre 2017 per richiedere da un minimo di 5 mila euro fino ad un massimo di 15 mila euro.

Potranno richiedere tale credito:

  • Lavoratori autonomi e liberi professionisti che dimostrino di operare la propria attività sul territorio dell’Emilia Romagna. Dovranno possedere la partita iva da almeno un anno e dichiarare un fatturato che vada tra i 15 mila e i 70 mila euro per quanto riguarda l’ultimo anno di lavoro.
  • Ditte individuali sempre operanti sul territorio regionale, da almeno un anno e con un fatturato annuo compreso tra i 15 mila e i 100 mila euro.
  • Società tra professionisti. Per questi valgono gli stessi requisiti che valgono per le imprese.
Autore: Enrico Mainero
Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico di ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).

Altri articoli che potrebbero interessarti

Come pagare l'F23 online? Ecco per quali servizi si utilizza

Come pagare l'F23

Il modello F23 si può utilizzare per tributi autoliquidati connessi alla successione, per i depositi necessari per il rilascio di certificati, per pagamenti che riguardano attività della Dogana o del Demanio, e molto altro.