Dalle imprese al mercato del lavoro passando per lo sport; sono diversi i finanziamenti stanziati dalla Regione Liguria per incrementare la crescita del territorio ligure. Molti quindi i temi trattati dalla Regione per far sentire viva la propria presenza sul territorio ligure di fronte ai problemi che stanno vivendo i cittadini al giorno d’oggi.

Finanziamenti per le imprese liguri: per maggiori informazioni leggete di seguito

Grazie a 29 milioni di euro provenienti dai fondi europei, la Regione Liguria cerca di dare un sostegno alle micro, piccole e medie imprese liguri. I finanziamenti dovranno essere utilizzati nelle aree dedicate agli investimenti in innovazione tecnologica, organizzativa, gestionale e commerciale. Il termine per le scadenze è fissato al prossimo 31 luglio e i contributi erogati saranno a fondo perduto per il 30% e il finanziamento non potrà superare la soglia massima di 200 mila euro.

Come presentare la domanda per richiedere il finanziamento dalla Regione Liguria

Le domande di chi vorrà beneficiare del contributo dovranno essere effettuate on line sul sito della Filse o della Regione Liguria. L’assessore allo sviluppo economico Renzo Guccinelli si è detto molto soddisfatto del contributo stanziato perché queste risorse serviranno a far crescere ulteriormente le imprese nel territorio ligure.

Finanziamenti della Regione Liguria per lo Sport: contributi Europei

La Regione Liguria dedica molta attenzione al mondo delle sport tanto che ha stanziato dei finanziamenti destinati alla costruzione di nuovi impianti, alla messa a norma di quelli già esistenti e al completamento delle strutture sportive. Le risorse saranno concesse agli Enti Locali, come Province e Comuni e la Regione non dimentica quelli che sono gli sport tradizionali territorali come bocce e petanque, pallanuoto, canottaggio, vela e pallapugno. Per la messa a norma degli impianti sportivi, sarà concesso come contributo massimo la cifra di 100 mila euro.

Diversi sono stati i contributi da parte della regione Liguria finalizzati alla realizzazione di interventi orientati a favorire l’inclusione di tutti quegli individui con una disabilità , mediante la costruzione di infrastrutture dedicate ad attività ludico-sportive e la riqualificazione di diverse strutture semiresidenziali per persone che possiedono una disabilità con l’organizzazione di servizi finalizzati al supporto e ai servizi per l’inclusione allo sport. Con il proprio avviso la regione Liguria ha come obiettivo l’incremento dell’inclusione sociale, che deve essere svolto per mezzo di interventi da finanziare grazie ad un contributo con un conto capitale. Questi interventi devono muoversi all’interno delle seguenti aree:

  • La riqualificazione di infrastrutture per attività ricreative e sportive;
  • La rigenerazione di strutture parzialmente residenziali per soggetti con problemi motori;
  • La pianificazione di servizi assistenziali, oltre a servizi per l’inclusione sportiva e professionale

Il decreto interministeriale pensato anche per realtà come la regione Liguria è orientato alla crescita dell’inclusione di tutte quelle persone che essendo disabili, dovranno eseguire un intervento. La realizzazione di nuove infrastrutture, prevede aree attrezzate con percorsi che possano consentire a tutti i bambini una condizione di disabilità di svolgere esercizi ludico-motori in sicurezza, permettendo una piena interazione, una equilibrata socializzazione e un valido sviluppo delle facoltà cognitive. Esistono pero delle condizioni imprescindibili affinché queste strutture possano essere funzionali e queste condizioni sono:

  • Lo spazio su cui si interverrà deve essere posizionato in prossimità di scuole, aree ricreative o parchi;
  • Gli spazi pensati per le attività non devono possedere barriere architettoniche o sensoriali, perché devono essere concepiti in funzione di una piena libertà di movimento.

I contributi per questi progetti sono stati già messi a disposizione da parte della comunità europea, che ha avviato i bandi ed aspetta solo progetti validi per la realizzazione di un nuovo mondo in Liguria.

Per i dirigenti disoccupati

La crisi globale che sta colpendo l’Italia non è stata trascurata dalla Regione Liguria che ha stanziato dei finanziamenti pari a 100 mila euro per ricollocare i dirigenti liguri che si trovano ora senza lavoro. L’accordo è stato raggiunto tra l'assessore regionale alla formazione e al bilancio Pippo Rossetti e Fondirigenti e prende avvio dalla difficile situazione economica globale che ha visto uscire dal mercato del lavoro circa 100 dirigenti dal 2010 ad oggi. Punti fondamentali del nuovo percorso intrapreso sarà la riconversione della professionalità e delle competenze dei dirigenti ora disoccupati.

PMI

Per finanziare le Piccole e Medie Imprese, la Regione Liguria ha previsto una serie di fondi per sostenere l'economia locale: si tratta di 21 milioni di euro stanziati in accordo con quanto dichiarato ed anticipato dall'Assessore regionale allo Sviluppo economico Renzo Guccinelli, che diventeranno successivamente 30 milioni di euro. Gli interventi finanziari avranno varie formule, fra cui il venture capital ed il private equity, per garantire lo sviluppo di aziende già consolidate e la nascita di nuove imprese.

Finanziamenti della Regione Liguria: Provincia di La Spezia

Un'offerta importante fra i vari finanziamenti della regione Liguria è il progetto Starter, per la creazione di nuove attività imprenditoriale autonome, destinate agli aspiranti imprenditori o lavoratori autonomi nella provincia di La Spezia. Vengono finanziate tre tipologie di percorsi:

  • PERCORSO 1 
  • PERCORSO 2 – Accompagnamento, Incentivazione e Tutoring allo start-up
  • PERCORSO 3 – Incentivazione e Tutoring allo start-up

Il bando per partecipare al finanziamenti può essere scaricato, mentre la domanda di partecipazione può essere inviata a mezzo posta all’indirizzo:

Provincia di La Spezia

Servizio Politiche alla Formazione professionale
Via Valle, 12
19124 La Spezia

Nella città di Genova

Centroprestiti

La società di finanziamenti a Genova Centroprestiti nasce nel 1996 dopo un'ampia esperienza maturata nel settore dai soci fondatori. Ottima società di finanziamenti e prestiti on line, che si rivolge a tutte le categorie di lavoratori grazie a servizi e prodotti finanziari competitivi in grado di rispondere alle più diverse esigenze dei clienti.

FILSE Spa

La FILSE è la finanziaria ligure per lo Sviluppo Economico, ed è il soggetto tecnico nato per supportare gli enti territoriali liguri e la Regione stessa, nel momento della definizione e della messa in atto delle politiche di sostegno economico. La FILSE offre dunque un sistema di finanziamenti a Genova e sul territorio ligure, dedicati alla realizzazione di opere e di servizi destinati allo sviluppo del territorio.

Finanziamenti Regione Liguria: e per quanto riguarda le Banche?

Le banche sono in grado, grazie anche al personale altamente qualificato che lavora al loro interno, di fornire ai propri clienti servizi sia di intermediazione bancaria sia di pagamento. E’ proprio questo il luogo, dove la maggior parte delle persone ha depositato con fiducia i propri soldi, ha investito somme di denaro o si reca quando ha bisogno di richiedere un prestito, magari utile per aprire un’attività. E’ bene ricordare che sono molte le banche presenti sul territorio nazionale, che concedono finanziamenti a tassi agevolati e mutui per giovani molto convenienti.

Le Banche inoltre ricoprono un ruolo molto importante nell’economia di un Paese. Le banche sono generalmente delle società private, che però sono controllate dall’organo supremo della Banca Centrale d’Italia. Grazie al crescente utilizzo di internet è possibile richiedere prestiti, informarsi sulle modalità da compiere per aprire un conto corrente ecc direttamente online. Le Banche sono presenti in tutto il territorio nazionale.

 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Registro delle partita IVA: scopriamo cos'è e a che serve?

Registro delle partita IVA

Chi svolge un'attività come libero professionista o come società, ha l'obbligo di aprire la partita iva. Serve per identificare un soggetto che esercita un'attività. Ognuna di esse ha 11 cifre.

Aprire un'attività commerciale: ecco tutte le informazioni

Aprire un'attività commerciale

Aprire un'attività in proprio è un'esigenza sentita da molti, giovani e non solo. Infatti, aprire un'attività da poter gestire in proprio permette di evitare quelli che sono i problemi principali di un lavoratore comune a salario, ovvero il dover sottostare ad un responsabile.