Oggi ci occupiamo di Franchising a costo zero. Il termine franchising, ormai entrato nel linguaggio comune anche nel nostro paese, indica essenzialmente una partnership tra imprenditori al fine di promuovere la vendita di prodotti o di un marchio specifico. Questa tipologia di affiliazione permette di avviare un'attività imprenditoriale, avvalendosi fin da subito di una "struttura commerciale madre" (franchisor) già presente e affermata sul mercato, sfruttandone così tutti i vantaggi.

Ogni nuova startup nella fase iniziale può incontrare delle criticità, che siano legate alla burocrazia o alla difficoltà di far conoscere in poco tempo un nuovo marchio o prodotto, che nel caso di affiliazione vengono totalmente azzerate limitando così il rischio d’impresa.

Dagli anni settanta ad oggi le attività nate con questa modalità hanno visto una crescita esponenziale in moltissimi settori, dall'abbigliamento all'informatica, al mondo delle scommesse e persino nella ristorazione, consentendo così a diversi marchi di incrementare la propria visibilità e il bacino di utenti fidelizzati.

Quali sono i vantaggi per aprire un negozio franchisee (ossia colui che decide di affiliarsi)?

Prima di intraprendere un percorso imprenditoriale in franchising è bene capire quali sono i punti di forza di una collaborazione così strutturata, vediamo quali sono:

  • Tempi brevi per ottenere una propria identità commerciale, avvalendosi di un brand già presente e noto sul mercato
  • Garanzia di continuo affiancamento da parte della casa madre per tutto ciò che riguarda la sfera amministrativa e le iniziative manageriali
  • Rischio minimo e condizioni economiche vantaggiose operando in un gruppo consolidato e non in autonomia

A fronte dei tanti vantaggi però, è bene ricordare che il lavoro dell’imprenditore è per gran parte vincolato alle direttive imposte dalla casa madre, su un modello commerciale avviato e consolidato che ogni affiliato è tenuto a rispettare.

Come scegliere il Franchising a costo zero che fa per noi

Ad oggi i brand che offrono la possibilità di affiliarsi sono tantissimi, scegliere quello giusto comporta un'attenta valutazione e comparazione tra le varie opzioni, prima fra tutte la scelta del settore stesso in cui operare, tenendo conto sia delle propensioni e interessi personali che delle possibilità di guadagno rispetto all’investimento iniziale.

Ci sono poi alcune informazioni sul franchisor che è necessario conoscere e analizzare in prima battuta. Il numero di affiliati, gli anni di presenza sul mercato e la sua notorietà per esempio, possono fornire immediatamente la percezione di affidabilità e di successo di un determinato brand rispetto ad altri. Per ulteriore garanzia l’imprenditore che decide di affiliarsi può richiedere: alla casa madre la visione dei bilanci degli ultimi 3 anni dell’attività, al fine di valutare i rischi del suo investimento; accertarsi che essa sia iscritta alle associazioni di categoria, che hanno il compito di monitorarne costantemente l’operato; verificare l’incidenza dei negozi precocemente chiusi rispetto al totale di quelli aperti sotto quello specifico marchio; calcolare le eventuali richieste di royalties da parte del marchio sul fatturato annuo, che possono incidere (fino ad un massimo del 10%) sul guadagno.

Requisiti indispensabili dell’affiliato e del negozio per aprire l'attività

Procediamo per step. Una volta individuato il settore/marchio a cui desideriamo affiliarci e dopo aver studiato attentamente tutte le informazioni sullo stato del brand è necessario capire se si è in possesso dei requisiti richiesti dallo stesso, sia per il franchisee che per il futuro negozio.

Per l’imprenditore:

  • Nessuna condanna penale, fallimento aziendale precedente, pendenza giuridica
  • Capacità di relazionarsi con il pubblico e con i propri dipendenti
  • Doti manageriali
  • Capacità di adattamento rispetto alle regole e alle direttive commerciali imposte dalla casa madre (pur mantenendo la propria autonomia come direttore del negozio locale)

Per il negozio:

  • Posizione strategica, possibilmente su strade commerciali ad alto afflusso di pubblico o all’interno di centri commerciali
  • Staff qualificato
  • Verifica del contratto di locazione

Regime contabile e burocrazia per i franchising 

Come per l’apertura di tutte le attività commerciali, grazie alla Legge Bersani, ora non è più necessario richiedere al proprio Comune, l’autorizzazione amministrativa. E’ sufficiente presentare una dichiarazione al Sindaco della propria città di conformità rispetto alle normative che regolano lo specifico settore di attività del franchising. Nel caso di attività preposte alla somministrazione di alimenti e bevande (bar e ristoranti) è necessario allegare l’iscrizione al REC e la documentazione attestante la frequentazione, con esito positivo, di un corso riconosciuto dalla Regione.

Per quanto riguarda il regime contabile da scegliere all’apertura del negozio, è consigliabile affidarsi ad un commercialista che sia in grado di seguire passo passo le procedure di apertura della Partita IVA, scelta anche in base alla tipologia di fatturato (se inferiore a € 50.000 si potrà optare per un regime forfettario, con imposte del 15%).

Se il tuo obiettivo è quello di aprirti una tua attività, di metterti in proprio e di puntare tutto sulle tue capacità lavorative allora il franchising è quello che fa per te. Oggi sono moltissimi le società che mettono a disposizione il proprio brand, quindi moltissime le attività su cui puntare come ad esempio una gelateria, una pizzeria, un negozio di abbigliamento, una agenzia di viaggi e molto altro ancora. Quando si intraprende un percorso come questo è bene documentarsi in modo da sapere tutto quello che occorre per non incappare in sgradevoli inconvenienti, ecco perché vi consigliamo di leggere il testo della legge 129/2004.

E’ veramente possibile, oggigiorno, aprire un negozio senza un investimento iniziale, ovvero a costo zero? Generalmente i franchising hanno delle precise richieste come la zona di apertura, le dimensioni del negozio e la densità demografica della suddetta zona oltre ovviamente a una determinata somma iniziale. Qualora il neo-imprenditore non abbia le disponibilità economiche per affrontare tale spesa, esistono due possibili opportunità: richiedere un finanziamento a qualche istituto bancario oppure aprire un franchising a costo zero.

Chi è alla ricerca di un franchising gratis o low cost, molto spesso cerca un tipo di affiliazione in cui diventa il venditore dei prodotti dell’azienda che mette a disposizione il proprio marchio.

Per questo tipo di affiliazione la casa del brand che offre l’affiliazione senza costi iniziali, guadagnerà in seguito a seconda del tipo di contratto che è stato stipulato, come ad esempio la vendita di merci indispensabili per l’attività all’affiliato. Un esempio potrebbe essere un brand di un bar che mette a disposizione le proprie attrezzature in cambio dell’acquisto del proprio caffè. 

Franchising a costo zero on line

immagine esemplificativa che riguarda le molplici opportunità per aprire un franchising costo zero

Queste tipologie di franchising non daranno la possibilità di aprirsi una vera e propria attività commerciale come ad esempio un negozio su strada o in un centro commerciale, ma offriranno una diversa opportunità, con il cosiddetto franchising on line da casa si potrà sfruttare le nuove tecnologie, la grandissima quantità di spazio e la forza attuale del mondo del web. Una grande opportunità potrebbe essere l’apertura di un negozio su una delle più famose piattaforme e-commerce come Ebay o Amazon. Questo comporterebbe un investimento iniziale pari a zero e uno sfruttamento del nome del brand in questione.

Questo tipo di gestione porta con se svariati vantaggi, come il risparmio di denaro per l’affitto di un ufficio, risparmio di tempo sul tragitto per andare a lavoro con il conseguente risparmio di benzina, e infine la grandissima flessibilità sugli orari lavorativi.

Vantaggi e svantaggi

Ovviamente come per tutte le attività, anche questo tipo di negozio esistono i pro e i contro.

Per quanto riguarda i vantaggi:

  • Zero anticipazioni, ossia nessun investimento iniziale di un capitale
  • Approfittare del conto vendita per l’assortimento della merce
  • Bassissima esposizione al rischio d’impresa
  • Possibilità di lavorare da casa.

Gli svantaggi sono:

  • Tutto è nelle mani del franchisee, alla sua capacità lavorativa e alla sua predisposizione al lavoro in modo da sfruttare tutti i mezza a sua disposizione per avere successo.

Tutti i franchising a costo zero

Ecco un elenco di attività che mettono a disposizione la loro esperienza e competenza per chi volesse affidarsi a loro per mettersi in proprio:

  • Il Sognatore, un agenzia di viaggio che mette a disposizione sei diverse tipologie di affiliazione.
  • Last Menù Restaurants che mette a disposizione una piattaforma dove fare prenotazioni last minute nei ristoranti
  • BeHouse, senza investimento iniziale ma con un canone mensile che si aggira intorno ai 350,00€ mensili potrai entrare a far parte del mondo delle mediazioni immobiliari
  • Tecnoaffari altro franchising che non richiede alcun tipo di esborso economico iniziale sulla mediazione immobiliare, sulla consulenza e sui servizi assicurativi.

Come aprire il Bar che avete sempre desiderato

Che cosa serve di preciso per aprire un bar? Serve sicuramente come prima cosa un locale “idoneo”, nel senso di spazioso e capiente per le serate più affollate o un piccolo ma grazioso per le colazioni della domenica mattina. Insomma, la scelta spetta a voi e deve riguardare solo quello che avete in mente da fare con il vostro bar. Sicuramente però avrete bisogno delle autorizzazioni e licenze necessarie per l’apertura e per la vendita degli alcolici.

Se le esperienze lavorative che si hanno avuto in precedenza non sono molto in tema con la gestione dell’apertura di un bar, consigliamo di seguire magari dei corsi su come fare, in modo da essere preparati nel momento in cui andrete a fare dei business plan e gestire la parte economica e finanziaria dell’attività. Bisogna conoscere approfonditamente questo tipo di argomenti se si ha l’intenzione d’investire del tempo, ma soprattutto dei soldi, in questa impresa. Dei corsi specifici di questo tipo sono molto spesso organizzati da scuola alberghiere o associazioni specializzate.

Aprirlo in Franchising

Inizialmente, per contenere le spese, consigliamo sempre di dare molta attenzione e partire da basi solide affidandosi a delle persone che hanno delle competenze pregresse nell’ambito della ristorazione, delle caffetterie o dei bar in generale. Di solito note case di produzione del caffè sono sempre interessate a della pubblicità in cambio di rifornimenti di caffè a prezzo scontato. Forniscono spesso anche un’assistenza burocratica e fiscale, rifornitori dal quale comprare dei macchinari a prezzi vantaggiosi, anche se a volte capite che vengano date in comodato d’uso se si garantisce l’acquisto mensile di una certa quantità di caffè.

Collaborare con un marchio rinomato è conveniente prima di tutto per quanto concerne la visibilità del locale, il cliente anche inconsciamente collegherà il tuo bar con la marca del caffè dando quasi per scontato che sarà buono.

Il contratto di franchising ha modalità di pagamento differenti, spesso si assestano intorno ad un capitale d’investimento che varia da 10.000 a 30.000 euro e si sottoscrive un contratto che impegna per una durata di cinque anni e che, allo scadere, può essere tranquillamente rinnovato.

I requisiti necessari per il Franchising a costo zero

Che requisiti bisogna possedere per l’apertura di un bar? Ovviamente diversi, partiamo dal principio:

  • Il proprietario del, futuro, locale dovrà regolare la posizione imprenditoriale e quindi successivamente aprire la partita iva.
  • Chiedendo un aiuto ad un commercialista, esperto del settore, la forma societaria perfetta per il tipo di locale che si sta aprendo.
  • L’immobile che avete scelto, nel quale aprire il locale, deve essere a norma. Accertatevi che sia tutto in regola, soprattutto se decidete di prendere in affitto un’immobile già esistente.

Questi diciamo che sono i punti fondamentali per l’avvio di un locale, ma non abbiamo finito qui. C’è tutta la parte burocratica che non abbiamo tratto precedentemente e che è bene sapere:

  1. Presentare al comune tutta la modulistica d’inizio attività, compresi gli allegati che vengono richiesti (tutti i dati del titolare del bar, gli orari di apertura e chiusura dell’attività, l’agibilità, approvazione ASL, ecc…).
  2. Fare anche richiesta al comune per l’autorizzazione all’esposizione dell’insegna.
  3. Richiesta all’agenzia delle entrate l’autorizzazione per la rete di vendita di alcolici e superalcolici.
  4. Pagare i diritti alla SIAE per diffusione di musica, oppure immagini, soggette a diritti d’autore (saltate questo passaggio nel caso in cui non usiate musica o immagini protette da copyright).
  5. Per tutti i locali con una dimensione superiore a 450 mq, richiedere assolutamente la certificazione antincendio. La si può richiedere direttamente ai Vigili del Fuoco.

Costo medio dell’apertura di un bar

Le cifre che daremo ovviamente si basano su una media, non sono precisi al centesimo, il prezzo varia moltissimo a seconda dell’arredamento del locale, l’affitto mensile e poi tutte le utenze necessarie, diciamo che il costo minimo si aggira intorno ai 50.000 o 60.000 euro, quindi non una cifra che tutti possono sostenere. Se, invece, si compra un locale che era stato già aperto precedentemente da un’altra persona bisogna includere i lavori di ristrutturazione ed anche il costo dell’acquisto dell’immobile, si considera una cifra intorno ai 100.000 o 120.000 euro. Però questa cifra potrà essere probabilmente restituita in rate mensili dove, l’ammontare della rata, va a modellarsi a seconda del reddito. Altra spesa che non molti mettono in conto è quella del notaio, un compenso pari al 2% del totale, quindi circa 8000 euro. termina qui il nostro approfondimento sul Franchising a costo zero.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Regime speciale IVA: tutto ciò che devi sapere su questo argomento

Regime speciale IVA

Quando si decide di aprire un'attività imprenditoriale, è bene conoscere a fondo il panorama legato ai finanziamenti, alle imposte da pagare e tutto quello che concerne le dinamiche di attuazione utili all'avvio dell'impresa che si intende gestire ed eventualmente il regime speciale iva a cui aderire.

Partita IVA in Inglese: ecco come funziona oltre manica

Partita IVA in Inglese

Aprire la partita Iva in Inghilterra a chi ha una buona idea lavorativa da sviluppare conviene per vari motivi, la burocrazia non esiste quasi per niente. Gestire la posizione che si ha con le imposte fiscali è molto semplice.