Tra gli strumenti adottati dalla PA per raggiungere tali importanti obiettivi vi è anche il cosiddetto Split Payment dell’Iva. Un meccanismo posto nella fattura elettronica e avviato con la Legge di Stabilità 2015 (Legge 190/2014), allo scopo di contrastare in particolare l’evasione dell’Iva. Questa non è altro che un’imposta generale sui consumi e quindi sull’acquisto di beni e servizi da parte di vari soggetti. Andiamo adesso a conoscere in dettaglio cosa sia il cosiddetto split payment dell’Iva.

Split payment o scissione dei pagamenti

Questo è, in pratica, un procedimento di scissione dei pagamenti dell’Iva allo Stato, effettuato al momento dell’acquisto di beni o servizi, da parte della Pubblica Amministrazione e che viene applicata soltanto ed unicamente ai fornitori di quest’ultima. Tale sistema rappresenta un’eccezione al tradizionale funzionamento dell’Iva, generalmente addebitata in fattura al cliente e successivamente versata dal fornitore del bene o servizio all’erario.

Con lo split payment, invece, è direttamente la Pubblica Amministrazione ad effettuare tutto questo. Come dicevamo, sono esclusivamente i fornitori della stessa ad essere soggetti all’uso della scissione dei pagamenti Iva e quindi imprese e professionisti. Tra coloro che sono assoggettati a tale procedimento troviamo, ad esempio, organi statali, enti pubblici e consorzi costituiti da questi; camere di commercio; ospedali; società pubbliche e quelle quotate alla Borsa di Milano; professionisti; università e la stessa PA.

Come si effettua lo split payment dell’Iva

La scissione dei pagamenti Iva si determina, in genere, attraverso tre passaggi: un fornitore incassa il corrispettivo per una cessione o prestazione (di un bene o di un servizio) senza Iva; il committente, a sua volta, procede al versamento di tale imposta all’Erario, seguendo una determinata procedura; il fornitore emette poi la consueta fattura elettronica, indicando sia percentuale ed importo dell’Iva (ma non caricandole al committente) e sia la dicitura dell’operazione effettuata e soggetta alla scissione dei pagamenti dell’Iva stessa.

Le fatture così emesse dal soggetto fornitore di beni o che effettua servizi verso la PA, in applicazione del procedimento dello split payment, andranno ad inserirsi nel registro Iva vendite. Tuttavia, l’imposta, esposta in fattura, non entrerà nella liquidazione Iva degli stessi fornitori o prestatori. Sarà la Pubblica Amministrazione poi a pagare a questi ultimi unicamente l’imponibile, mentre l’Iva sarà versata direttamente (sempre dalla PA) nelle casse dell’Erario.

Ricordiamo che la procedura della scissione dei pagamenti relativamente all’Iva si deve applicare quando un fornitore ha l’obbligo di emissione di una fattura verso una Pubblica Amministrazione (cioè, ad esempio, le PA in generale, Comuni, Regioni, Enti Pubblici, Università) oppure altri soggetti (evidenziati all’art.17-Ter, Comma 1-Bis del D.P.R. 633/1972), tra cui fondazioni pubbliche e società sotto controllo statale.

Soggetti esenti da tale procedura

Inizialmente, tra i soggetti tenuti ad effettuare lo split payment, vi erano tutti i fornitori, ma successivamente sono state previste alcune eccezioni. A seguito del Decreto Dignità del 2018, infatti, tale procedimento è escluso per le prestazioni di servizi eseguiti da professionisti assoggettati a ritenute alla fonte, a titolo di imposta sul reddito o di acconto. Andando nello specifico, la procedura dello split payment per l’Iva non si applica a:

  • Lavoratori autonomi del regime dei minimi (forfettario e di vantaggio), aderenti ad agevolazioni previste dalla Legge, senza l’applicazione dell’Iva alle fatture;
  • Professionisti che applicano la tradizionale ritenuta d’acconto;
  • Coloro che sono soggetti a inversione contabile o reverse charge (per cui l’Iva risulta già a carico del committente).

Aggiornamento 2022

Il sistema dello Split Payment dell'Iva o, in italiano, della Scissione dei Pagamenti, avviato negli anni precedenti, ha visto il via libera per il suo rinnovo fino al Giugno 2023 da parte dell'Unione Europea. Di conseguenza, tale meccanismo continuerá ad essere applicato per le operazioni eseguite verso le Pubbliche Amministrazioni e altre societá ed enti vari. Per poter emettere in modo corretto fatture soggette a tale meccanismo, tuttavia è sempre necessario consultare appositi elenchi aggiornati, in cui vi siano le PA e gli altri soggetti che consentono di ricevere tali fatture.

Tale elenco per il 2022, come previsto, è stato aggiornato ad Ottobre 2021 e vi rientrano in particolare le societá controllate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dai singoli Ministeri; enti e societá che siano controllate dalle Amministrazioni centrali e locali e da enti nazionali di previdenza e assistenza; enti, societá e fondazioni partecipate in cui vi sia una quota non al di sotto del 70% del capitale detenuta da amministrazioni pubbliche; infine, aziende quotate presenti nell'indice FTSE MIB della Borsa Italiana di Milano.

Ricordiamo che la disciplina relativa al meccanismo dello split Payment dell'Iva si deve applicare dalla data di inclusione effettiva ed ufficiale del soggetto (societá od ente che siano) nell'elenco apposito e della pubblicazione dello stesso all'interno del sito internet del Dipartimento delle Finanze presso il Ministero dell'Economia. Le Pubbliche Amministrazioni che non rientrano in queste liste, come definito da apposita normativa, sono inserite in uno specifico elenco IPA pubblicato sul web, in particolare sul sito dell'Indice delle Pubbliche Amministrazioni.

Pertanto, per quegli operatori o professionisti interessati all'applicazione del sistema dello split payment, tali elenchi, che devono essere aggiornati annualmente in maniera obbligatoria e pubblicati sul sito del Ministero dell'Economia, sono di fondamentale importanza. Infatti, al momento della fatturazione, i cedenti o committenti dovranno appurare e definire l'eventuale applicazione o meno del sistema a scissione dei pagamenti.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Omessa dichiarazione dei redditi: cosa succede in questo caso?

taxes 646512 640

L'omessa dichiarazione dei redditi costituisce violazione di un obbligo tributario e comporta la conseguenza di una sanzione. L’ordinamento tributario prevede due tipi di sanzioni: quelle amministrative e quelle penali, a seconda del tipo di violazione commessa. Scopriamo nel dettaglio cosa comporta l'omissione della dichiarazione o la dichiarazione fraudolenta.

Dropshipping e Fornitori: tutto quello che c’è da sapere

Nel mondo delle vendite online si sta facendo strada una nuova metodologia, che sta aprendo le porte dell’e-commerce a milioni di persone, anche a quelle che non hanno grossa esperienza in materia: il dropshipping. Questo metodo, conosciuto anche con il termine drop ship, permette a un venditore di vendere un bene a un’acquirente senza possederlo realmente.