Se sei un libero professionista in possesso di una partita IVA, un imprenditore o semplicemente un lavoratore autonomo, hai la possibilità di conferire al tuo commercialista ( o ad un intermediario come CAF e patronato) la delega per i servizi di fatturazione con il Modulo per la delega di Equitalia. Facendo tale operazione, se il tuo commercialista necessita di vedere un documento per questioni burocratiche, può collegarsi automaticamente al tuo cassetto fiscale e al relativo servizio di fatturazione elettronica immediatamente. Nella pratica quotidiana, mediante questa delega, i rapporti tra commerciante e commercialista sono più diretti, il che elimina molteplici scocciature. L’Agenzia delle Entrate ha per di più introdotto un provvedimento nel 2018, quello n.291241, per il quale ha dichiarato come è bene che si conferisca la delega: il consulente fiscale deve infatti inviare la richiesta all’Agenzia delle Entrate, esclusivamente per via telematica. Il consulte fiscale deve consegnare al cliente un Modulo per la delega di Equitalia da compilare con i suoi dati e con la concessione del mandato e inviare il modulo attraverso l’Aera riservata, nella quale si trovano tre modalità di invio:

  • Massivo, ovvero attraverso un invio online tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate; 
  • Puntuale, attraverso un invio online tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate; per inviare una sola delega;
  • Pec.

Il consulente che, per quel libero professionista, ha presentato la dichiarazione IVA dell’anno passato, può inviare la delega tramite modalità puntuale o massiva. Alternativamente è possibile attivare la delega via PEC. Nel caso di quest’utlima modalità l’intermediario deve seguire i passi successivi:

  • Consegnare al cliente il Modulo per la delega di Equitalia, cosicché il cliente possa compilarlo, firmarlo e consegnarlo.
  • L’intermediario predispone un file firmato digitalmente, contenente (Fotocopia della delega, documento di identità e codice fiscale del cliente; Prospetto apposito;Dichiarazione sostitutiva di atto notorio di ricevuta procura e dichiarazione di impegno a conservare per 10 anni i modelli originali.)

La normativa sulla fattura elettronica

Il provvedimento dell’Agenzia delle entrate del 5 novembre 2018 dispone il modello e le istruzioni per la compilazione del modulo di conferimento delega fattura elettronica. Il Modulo per la delega di Equitalia è disponibile online sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

La fatturazione elettronica è stata resa obbligatoria per tutte le operazioni tra privati a partire dal 1° gennaio 2019, ma l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione già dal 13 giugno 2018 le indicazioni per effettuare la delega a intermediari terzi per la fatturazione elettronica. Il provvedimento definisce la tipologia di servizi delegabili, gli intermediari e i casi in cui è ammessa la delega libera anche ad altri soggetti. La delega ai servizi di fatturazione elettronica ha una durata massima di 4 anni, salvo rinnovo o diversa indicazione da parte del contribuente delegante.

Come si fa ad ottenere il Modulo per la delega di Equitalia

Il Modulo per la delega di Equitalia deve essere presentato dal contribuente richiedente presso qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia delle entrate o intermediario abilitato che provvederà all’invio telematico. Il modello con le relative istruzioni per la compilazione e l’uso è scaricabile dal sito dell’Agenzia delle Entrate.

Lo stesso modulo può essere utilizzato anche per la revoca dell'autorizzazione agli intermediari o altri soggetti per l’uso dei servizi di fatturazione elettronica tramite il sistema SDI.

Sintesi dei contenuti delle istruzioni 

La richiesta di conferimento dell'autorizzazione agli intermediari o soggetti terzi comporta la possibilità di accesso ai seguenti servizi di fatturazione elettronica:

  • Registrazione dell’indirizzo telematico;
  • Accreditamento e censimento dei dispositivi.

Con il Modulo per la delega di Equitalia si possono delegare fino a 4 soggetti diversi (un modulo per ciascun soggetto intermediario individuato) e la durata dell'autorizzazione è stabilita dal delegante nel limiti di due anni dalla data di conferimento. Se la durata non viene specificata, è automaticamente fissata a 2 anni, salvo deroghe o revoche.

L’intermediario potrà effettuare la registrazione al SDI dell’indirizzo telematico del delegante per ricevere copia delle fatture elettroniche e generare il QR Code per l’acquisizione automatica dell’anagrafica IVA del delegante.

Modulo per la delega di Equitalia: alcuni servizi possono essere demandati anche a non intermediari

Il Modulo per la delega di Equitalia permette di delegare alcuni servizi anche ad altri soggetti non intermediari, relativamente all’emissione della fattura elettronica e alla conservazione, in particolare potrà:

Modulo per la delega Equitalia

  • predisporre e trasmettere tramite il Sistema di Interscambio fatture elettroniche
  • gestire il servizio di conservazione delle fatture elettroniche;
  • visualizzare lo stato dell’adesione al servizio di conservazione delle fatture elettroniche;
  • accreditare e censire i dispositivi per la trasmissione dei file con i dati dei corrispettivi;

Delega al cassetto fiscale

Per cassetto fiscale si intende il servizio che consente al commercialista o altro intermediario di consultare online le informazioni contenute nel “cassetto fiscale”, appunto, il profilo privato del proprio assistito, previa autorizzazione di quest’ultimo. Il cassetto fiscale dell’Agenzia delle Entrate, dell’INPS, di Equitalia o dell’INAIL altro non è che uno strumento informatico, mediante il quale il contribuente, l’assistito o l’intermediario possono accedere a determinati servizi dell’ente dopo regolare accesso tramite PIN.

Anche nel caso del cassetto fiscale è possibile compilare un modulo di delega che dovrà essere trasmesso telematicamente e solo successivamente l’intermediario delegato vi potrà accedere. Gli intermediari che possono essere delegati sono al massimo 2 e la durata della delega è stabilita a 4 anni, salvo revoca. Il modulo per la delega al Cassetto Fiscale è scaricabile dal sito dell’Agenzia delle entrate con relative istruzioni.

Speriamo di avervi chiarito tutto sul Modulo per la delega di Equitalia

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Aprire una Partita IVA: ecco quali sono i documenti necessari

L’imposta sul valore aggiunto è una tassa richiesta su ogni transazione commerciale per cui avvengano cessioni di beni, o fruizioni di servizi e prestazioni. È un’imposta indiretta, cioè riguarda i consumi e non il reddito. Ogni contribuente è identificato da un codice numerico individuale che associa a ogni soggetto fiscale, il tipo di attività svolta (per lavorare da casa come freelance o per aprire un'attività vera e propria) e l’appartenenza territoriale.

Ricerca della partita IVA dalla Ragione Sociale dell'Azienda: come fare?

Un imprenditore sa benissimo che è necessario aprire la partita iva, ma che è anche importante tenerla sotto controllo per evitare errore o imprevisti futuri. Bisogna inoltre prestare molta attenzione anche ai clienti e ai fornitori: per questo è possibile sfruttare dei tool per effettuare la ricerca della partita IVA desiderata, partendo da dati come la ragione sociale o il nome dell'azienda, ad esempio. In questo modo l'imprenditore e il richiedente possono confermare la veridicità dell'informazione ricercata e sapere così se può fidarsi o meno di determinate ditte o persone.