In un momento particolarmente difficile per l'Italia e l'economia, i mutui agevolati 2022 sono votati ad aiutare le fasce più deboli della società ad acquistare una casa in cui andare a vivere.

Naturalmente, vista la mole di persone in difficoltà finanziaria, queste manovre si rivolgono spesso a tanti che comunque non sono considerati meritevoli dalle banche di accendere un mutuo (soprattutto per via di una scarsa affidabilità creditizia) e, per questo motivo, la strada per il loro ottenimento è molto tortuosa, con il rischio di dover essere costretti a girare per tanti istituti di credito prima di trovare quello giusto.

I mutui agevolati 2022 sono rivolti soprattutto ai giovani e si caratterizzano per alcune agevolazioni pensate appositamente per loro. Naturalmente, ci sono requisiti da rispettare e procedure da svolgere, oltre a tanti documenti da consegnare. Di seguito, tutte le indicazioni necessarie sui mutui agevolati 2022 con le relative caratteristiche e punti di forza, oltre alle modalità di funzionamento.

Mutui per giovani nel 2022

I mutui per i giovani sono, essenzialmente, di 3 tipi:

  • Mutuo giovani under 36
  • Mutuo 100%
  • Mutuo prima casa

Ognuno di questi ha dei requisiti unici e delle modalità di ottenimento diverse. Ad accomunarli, in sostanza, è la giovane età delle persone a cui si rivolgono. Inoltre, tutti i mutui agevolati 2022 vengono concessi solamente a persone che acquistano la prima casa e che non ne possiedono alcuna nemmeno a titolo di comodato.

Una piccola deroga a questo principio è possibile se ad accendere il mutuo è una coppia, oppure se la persona si impegna entro 18 mesi dal momento dell'accensione del mutuo a spostare la propria residenza, incorrendo in sanzioni e in inasprimento del mutuo nel caso non lo facesse.

Infine, prima di entrare nel dettaglio ad analizzare i mutui agevolati 2022 per i giovani, è importante precisare che a differenza di alcuni prestiti più specifici come il mutuo green o il mutuo ristrutturazioni, per questi non è necessario presentare alcuna documentazione relativa allo stato edile dell'immobile, perché basta la perizia eseguita dal tecnico incaricato dalla banca.

Mutuo giovani under 36

Il mutuo giovani under 36 è la soluzione che ha previsto lo Stato per aiutare i giovani, a prescindere che siano in coppia o meno, a comprare una casa, supportandoli con agevolazioni economiche e riduzioni dei pagamenti dal punto di vista fiscale.

Il mutuo giovani under 36 è molto utile a tanti, soprattutto anche a coloro che si trovano in stato di disoccupazione o di precariato. In questo caso, però, l'accesso al finanziamento è possibile solamente tramite l'adesione ad un apposito Fondo di Garanzia istituito dallo Stato. Inoltre, bisogna presentare una dichiarazione dei redditi e un garante che si impegna a coprire la totalità della somma data in mutuo nel caso di insolvenza.

Quale che sia la modalità prescelta, il mutuo giovani under 36 può essere richiesto solamente per l'acquisto della prima casa, la quale inoltre non può rientrare nella categoria catastale dei beni cosiddetti di lusso e, inoltre, il valore dell'immobile deve essere inferiore ai 250mila euro.

Il mutuo under 36 può essere accordato per una durata non superiore ai 30 anni, ma può prevedere l'applicazione di un tasso fisso, variabile o misto. Naturalmente, nulla cambia in merito alle valutazioni che deve eseguire la banca sull'affidabilità creditizia del soggetto richiedente.

Mutuo 100%

Il mutuo 100% è una particolare forma di prestito per l'acquisto di una casa che si caratterizza per superare il valore massimo solitamente finanziabile dalle banche, pari all'80%, per arrivare a coprire interamente il valore dell'immobile tramite un apposito Fondo di Garanzia istituito dallo Stato e sovvenzionato annualmente tramite la legge di bilancio.

Questa possibilità, in tal senso, è concessa alle banche in deroga a quella che è la normativa sui mutui e sui prestiti, la quale prevede che gli istituti di credito non possono mai finanziare più dell'80% del valore dell'immobile per cui concedono un mutuo ipotecario.

Naturalmente, la deroga richiede che la persona che intende approfittare del mutuo 100% deve presentare, oltre ai classici documenti necessari, anche una serie di attestati aggiuntivi e garanzie reali e personali ulteriori alla sola ipoteca sull'immobile. Inoltre, la stessa pratica è poi subordinata all'accettazione da parte del Fondo di Garanzia per i mutui per la Prima Casa, istituito presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze.

Le garanzie ulteriori richieste per la concessione di un mutuo agevolato al 100% sono una polizza assicurativa fideiussoria che copra il 20% eccedente l'immobile finanziato, la classica ipoteca sull'immobile e infine un garante che si occuperà di subentrare nel debito in caso di insolvenza del debitore originario. Se, poi, il fondo accetta il prestito, il mutuo potrà essere stipulato naturalmente come al solito, con una durata però non superiore ai 30 anni.

Per la prima casa

Il mutuo prima casa è quella particolare agevolazione che consente ai giovani di acquistare a titolo definitivo un immobile da adibire a principale abitazione. La manovra si rivolge a giovani genitori single, coppie conviventi o sposi che non hanno ancora figli ma si trovano sotto la soglia massima dei 36 anni.

I vantaggi di questa tipologia di mutuo sono diversi e hanno essenzialmente natura fiscale: tutti coloro che hanno i requisiti per accedere a questo finanziamento possono detrarre gli interessi passivi del mutuo dall'IRPEF, con alcune agevolazioni in merito al pagamento delle imposte di registro.

Chi, invece, ha un ISEE inferiore ai 40.000 euro può addirittura esserne esonerato. Infine, vengono ridotte anche le spese relative alla registrazione dell'acquisto al catasto comunale di riferimento.

Il mutuo prima casa, ad ogni modo, non può essere concesso per l'acquisto di immobili collocati nelle fasce di categorie catastali cosiddette di lusso, inoltre è accordato solamente ai giovani che sono in possesso di un contratto di lavoro tipico e hanno un reddito dimostrabile.

Prima di accordare o negare il mutuo, la banca ha l'obbligo di valutare le caratteristiche soggettive della persona che lo richiede e di motivare per iscritto il suo responso, in modo da garantire la verifica o il controllo. In ogni caso, inoltre, il mutuo prima casa per i giovani non può eccedere il finanziamento del bene per una cifra sopra l'80% del valore degli immobili e non è cumulabile o sfruttabile insieme ad altri mutui agevolati 2022, come il mutuo green o quello per ristrutturazione.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Verifica del codice fiscale: un approfondimento che non puoi perderti

Verifica del codice fiscale

Spesso lo utilizziamo per fare diverse operazioni più o meno importanti, dalla compilazione di un modulo in banca fino alla presentazione di una documentazione cartacea per un concorso, tuttavia il codice fiscale è un elemento di cui non sempre ci rammentiamo. Forse tutto ciò è dovuto alla caratteristica presenza di lettere e numeri vari che lo contraddistinguono. In taluni casi, magari per questioni di lavoro, poi si rende necessario eseguire una verifica del codice fiscale proprio o di un'altra persona, per accertarne l'esattezza.

Jobs Act: cos'è? Quali gli effetti sul mercato del lavoro?

Sul n. 2 e 3 di dicembre 2018 della rivista specialistica “Economia Italiana” viene pubblicato un articolo a cura di Tito Boeri (allora Presidente dell’Inps, la carica è terminata il 16 febbraio 2019) e l’economista Pietro Garibaldi, in cui si tirano le prime somme sugli effetti del Jobs Act sul mercato del lavoro italiano. Il Jobs Act è la riforma sul lavoro varata nel 2015 e che introduce tra le altre novità il contratto a tutele crescenti per i neo assunti a tempo indeterminato. Ma quali sono gli effetti che nel complesso questa manovra con l’introduzione di diverse novità ha comportato sullo stato dell’occupazione in Italia?