L’Agenzia delle Entrate, periodicamente, invia migliaia di lettere ai contribuenti che risultano titolari di quelle che vengono chiamate con il nome di “partita IVA inattiva o dormiente”. Si tratta, sostanzialmente, di quelle partite IVA che non sono operative da moltissimi anni ma che sono ancora formalmente aperte presso gli uffici dell’anagrafe tributaria.

Di seguito il menù del nostro articolo: 

Partita Iva inattiva: che cosa succede con l'Agenzia delle Entrate!

Una buona parte dei contribuenti che si trovano in questa situazione hanno ricevuto la comunicazione dell’irregolarità da parte dell’Agenzia delle Entrate senza essere al corrente di essere ancora titolari di una partita IVA. La partita IVA inattiva, come definito nelle lettere inviate dall’Agenzia delle Entrate, produce la violazione relativa all’omessa comunicazione di chiusura dell’attività. Ciò porta, conseguentemente a sanzioni amministrative di tipo pecuniario.

In realtà, le comunicazioni che attualmente l’Agenzia delle Entrate sta inoltrando negli ultimi mesi per quanto riguarda la partita IVA inattiva sono sbagliate sia per quanto riguarda la forma che i modi.

Per quanto riguarda la forma, nelle lettere si parla specificatamente di una prevista sanzione che sarebbe pari a 516,00 euro, a meno che l’utente non provveda ad effettuare il versamento entro e non oltre 30 giorni: nel suddetto caso, la sanzione da pagare sarà, invece, pari a 172,00 euro cioè, un terzo del minimo.

In verità, dal 1° gennaio 2016, con l’entrata in vigore di una nuova normativa che riguarda le sanzioni tributarie, con il Decreto Legislativo numero 158 del 2015, la corretta sanzione dovrebbe essere pari a 500,00 euro, tranne che non si provveda a fare il versamento sempre entro 30 giorni: nel suddetto caso la sanzione da pagare è pari ad euro 167,67 e cioè un terzo del minimo.

Quindi si tratta di uno sbaglio clamoroso da parte dell’ufficio della Direzione Centrale Tecnologie e dell’Innovazione dell’AdE, che risulta essere il mittente della comunicazione che giunge al contribuente a mezzo raccomandata. Vediamo quindi nel dettaglio il sopracitato decreto.

Il nuovo decreto sulle semplificazioni fiscali 2016 che il Governo ha in discussione, in attesa di approvazione, propone parecchie novità importanti; tra queste ci interessa evidenziare la cancellazione d’ufficio con comunicazione al contribuente, da parte dell’Agenzia delle Entrate, della partita Iva inattiva (comunemente chiamata “dormiente”) da almeno tre anni, senza applicare le sanzioni amministrative previste.

Decreto sulle semplificazioni fiscali: provvedimenti riguardo la partita Iva inattiva o partita iva inutilizzata

partita iva inattiva

Il decreto correttivo si prefigge di ridurre le comunicazioni fiscali e di ottimizzare i rapporti tra Agenzia delle Entrate e i contribuenti. I titolari di una azienda lavorativa che da tre anni non svolgono più attività senza più emettere o ricevere fatture, secondo quello che dice il decreto semplificazioni 2016, la chiusura avverrà d’ufficio senza che il titolare debba sostenere spese o che debba pagare sanzioni.

Prima del decreto sulle semplificazioni fiscali 2016, l’Agenzia delle Entrate informava i titolari di partita IVA inattiva da almeno 3 anni che verrebbe cancellata d’ufficio con un pagamento della sanzione di 516 € per omessa comunicazione di chiusura attività.

Situazione attuale per la chiusura della partita iva non movimentata

Fintanto che il decreto non viene approvato, la situazione attuale per la chiusura delle partite IVA inattive in base alle disposizioni che la Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Direzione Centrale Normativa dell’Agenzia delle Entrate con la risoluzione N. 93/E Roma, 21 settembre 2011, fornisce questi i seguenti chiarimenti:

Praticamente per i possessori di una partita IVA inattiva che invece all’anagrafe tributaria risultano ancora attive e che in tempo debito non hanno presentato la dichiarazione di cessata attività venga applicata la sanzione sopra citata. Le sanzioni amministrative, per omessa comunicazione di chiusura attività, possono essere pagate in vari modi.

In caso di variazione o di cessata attività, il contribuente deve entro 30 giorni comunicarlo all’Agenzia delle entrate. Attualmente c’è molta confusione in merito, molti contribuenti hanno ricevuto comunicazioni da parte dell’Agenzia delle Entrate riguardo al possesso di Partite Iva inattive da molti anni ma che per l’anagrafe dell’Agenzia hanno ancora valore e quindi sono soggette a sanzione.

Con questa comunicazione il contribuente viene informato della chiusura d’ufficio della partita Iva e messo a conoscenza di un dovuto pagamento di sanzioni da pagare. Per il pagamento si deve compilare il modello F24 con codice tributo 8120.

P iva

Lo Statuto dei diritti del contribuente, prevede che chiunque deve ricevere informazioni utili e tempestive riguardo la sua posizione fiscale, e quindi del possesso di una partita Iva dormiente, informatevi da quanti anni è inattiva perché se lo è da più di cinque anni, è tutto caduto in prescrizione. Chi riceve queste comunicazioni ha la possibilità di contestare la decisione dell’Agenzia se per lui è priva di fondamento.

Chiudere la partita iva dormiente o no? Ecco come fare



Aggiornamento 2022

Dopo alcuni anni di incertezza sia normativa che procedurale, al momento vi è maggiore chiarezza sulla cosiddetta Partita Iva inattiva, in quali casi si rientra in tale ipotesi e quali i possibili passaggi successivi che potrebbero essere fatti sia dall'Agenzia delle Entrate (AdE) che eventualmente dai titolari della stessa partita Iva. Tali chiarimenti sono avvenuti a seguito del Decreto Fiscale 2019, dopo una serie di questioni sorte a causa di alcune iniziative avviate dall'Agenzia delle Entrate, come accennato, soprattutto per quanto riguarda l'applicazione di eventuali sanzioni pecuniarie.

In genere, il titolare di una partita Iva non piú attiva dovrebbe provvedere alla sua chiusura, presentando all'AdE il modello AA9/12, entro un mese dalla data di cessazione delle attivitá svolte. Bisogna comunque considerare che, in alcune situazioni particolari, tali attivitá sono sporadiche e non continue durante l'anno. Sebbene, delle volte, non sia chiaro quando un'attivitá possa dirsi conclusa, l'AdE ha chiarito, attraverso un provvedimento apposito, in quale occasione si puó rientrare nell'ipotesi della partita Iva inattiva.

È tale una posizione, in base ad elementi e dati posseduti dalla stessa agenzia statale, che risulti non aver esercitato attivitá d'impresa o artistiche nelle precedenti 3 annualitá. In questo caso, l'AdE decide di chiudere d'ufficio la partita Iva, comunicando tale decisione al titolare della stessa attraverso lettera raccomanda A/R. In particolare, per "non esercizio di attivitá d'impresa, artistica o professionale" s'intende il non aver presentato la dichiarazione Iva (se dovuta) o la dichiarazione dei redditi da lavoro autonomo o d'impresa.

L'atto di chiusura della partita Iva inattiva si effettua con una modalitá centralizzata e, per quei soggetti non rientranti nelle persone fisiche, contestualmente si determina anche l'estinzione del codice fiscale. Comunque, i titolari di partita Iva oggetto di chiusura possono fare ricorso contro tale iniziativa, rivolgendosi ad un qualsiasi sportello dell'AdE, entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione della stessa agenzia statale. Questi devono fornire prova di essere soggetti passivi ai fini Iva o che vi siano stati errori nella valutazione di chiusura.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Obbligazioni subordinate: cosa sono e perché sono rischiose

I bond subordinati sono sotto i riflettori, ultimamente. La vicenda di Banca Marche, Banca Etruria, CariChieti e Cassa Ferrara, per cui Banca d’Italia ha iniziato un progetto di risoluzione per conservarne la continuità dei servizi creditizi e finanziari offerti, ha fatto sapere all’opinione pubblica le obbligazioni subordinate e le loro caratteristiche. Sfortunatamente motivo – nelle ultime vicende - di grosse perdite per i loro possessori.

Omessa dichiarazione dei redditi: cosa succede in questo caso?

taxes 646512 640

L'omessa dichiarazione dei redditi costituisce violazione di un obbligo tributario e comporta la conseguenza di una sanzione. L’ordinamento tributario prevede due tipi di sanzioni: quelle amministrative e quelle penali, a seconda del tipo di violazione commessa. Scopriamo nel dettaglio cosa comporta l'omissione della dichiarazione o la dichiarazione fraudolenta.