L’Equitalia Gerit è la società italiana che ha il compito di riscuotere i tributi in tutto il territorio nazionale, esclusa la Sicilia. Il gruppo è composto da tre diverse società: l’Equitalia s.p.a., che è il capogruppo, l’Equitalia Servizi e Giustizia. La società che si occupa invece di riscuotere i tributi in Sicilia è la Riscossioni Sicilia S.p.A.

La società si occupa sia della riscossione non da ruolo, ad esempio quella riferita alle entrate pagate con modello F23, sia la riscossione a mezzo ruolo, che avviene tramite la notifica di una cartella di pagamento. E’ importante sapere che nel caso in cui il contribuente non abbia la liquidità necessaria per pagare il debito all’Equitalia Gerit, non è necessario che richieda un finanziamento alla banche o magari un prestito online, perché la società offre la possibilità di rateizzare il debito da restituire.

Filiali nazionali di Equitalia Gerit

La società ha delle filiali che sono collocate in tutto il territorio nazionale ed hanno competenza provinciale. Di seguito sono riportate alcune delle filiali locali di Gerit.

  • Trentino Alto Adige: ha competenza in tutto il territorio compreso fra Trento e Bolzano.
  • Valle d’Aosta: è competente in tutta la Valle d’Aosta.
  • Piemonte: ha competenza nelle province di Vercelli, Asti, Cuneo, Torino, Biella, Alessandria, Novara, Verbano, Cusio, Ossola.
  • Lombardia: si occupa delle riscossione dei tributi nelle province di Brescia, Como, Bergamo, Cremona, Lecco, Milano, Monza, Brianza, Sondrio, Varese, Lodi, Mantova.
  • Veneto: è competente nelle province di Belluno, Verona, Treviso, Rovigo, Venezia, Vicenza, Padova.
  • Friuli Venezia Giulia: ha competenza nelle province di Gorizia, Pordenone, Udine, Trieste.
  • Liguria: si occupa della riscossione delle imposte nelle province di Genova, Imperia, Savona e la Spezia.
  • Marche: competente nelle province di Ascoli Piceno, Ancona, Macerata, Pesaro, Urbino e Fermo.
  • Lazio: ha competenza in tutte le province del Lazio.
  • Campania: si occupa della riscossione dei tributi nelle province di Benevento, Avellino, Napoli, Salerno e Caserta.
  • Puglia: è competente nelle province di Barletta, Bari, Brindisi, Lecce, Foggia, Barletta.
  • Basilicata: ha competenza in tutto il territorio della regione.
  • Calabria: è competente nelle province di Cosenza, Crotone, Catanzaro, Reggio Calabria e Vibo Valentia.
  • Sardegna: è competente nelle province di Cagliari, Oristano, Sassari, Nuoro, Olbia Tempio, Medio Campidano e Carbonia Iglesias.

Come richiedere la rateizzazione Equitalia online

L’Agente della riscossione Gerit offre la possibilità a chi ha ricevuto una cartella esattoriale e deve pagare dei tributi allo Stato, di poter rateizzare la somma da pagare. La rateizzazione che riguarda le cifre di denaro iscritte a ruolo, può essere rateizzate fino a un massimo di 72 quote mensili, quindi in sei anni, da circa 100 euro ognuna. La direttiva Equitalia del 1° marzo 2012 e il decreto legge del 2 marzo dello stesso anno hanno portato diverse modifiche sulla precedente normativa.

Come presentare domanda di dilazione del pagamento (qual è il massimo di rate possibili?)

rateizzazione equitalia

La procedura da seguire per ottenere il dilazionamento è diversa a seconda dell'importo da pagare. Innanzitutto occorre precisare che le nuove leggi hanno innalzato a 20 mila euro la soglia per ottenere la dilazione automaticamente.

Quindi:

  • Per importi entro i 20 mila euro il numero massimo di rate è 48, dove ognuna varrà sempre 100€ (o più). Se la situazione economica non lo permette, previa presentazione di documenti che attestato questa difficoltà, è possibile aumentare le rate e diminuire, quindi, l'importo mensile.
  • Per importi superiori a questa cifra, tutto è lasciato all'iniziativa dell'agente. Questo dovrà valutare la documentazione presentata e valutare quali e quante difficoltà esistono per stabilire un piano di riscossione accettabile da parte del debitore.
  • Per importi inferiori ai 50 mila euro, inoltre, è obbligatoria la comunicazione relativa alla determinazione dell'Indice di Liquidità e dell'Indice Alfa. Quest'ultimo, inoltre, non è considerato un requisito per accedere alla rateizzazione, ma soltanto un parametro che aiuta a stabilire il numero e l'ammontare delle rate. L'Indice di Liquidità, invece, permette la dilazione se è inferiore a 1.

Per rateizzare il pagamento è necessario presentare  una domanda e la documentazione che attesta la situazione finanziaria del richiedente, per mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno, oppure si può andare di persona presso l’Equitalia Gerit e presentare la richiesta. Nel caso in cui la situazione economica di una persona, che ha una rateizzazione Equitalia in corso peggiori, è possibile chiedere una proroga delle rateizzazioni.

Altre modifiche dello statuto ordinario

È possibile chiedere un piano che preveda rate di valore crescente, invece che tutte identiche.

L'Agente non può richiedere l'ipoteca al debitore al quale è stata concessa la rateizzazione da Equitalia. Può essere concesso solo se la dilazione non è stata accettata o viene ritirata in un secondo momento. Il debitore che ha ottenuto la rateizzazione non è più considerato inadempiente: può partecipare a gare d'appalto di tutti i tipi.

Il debitore perde il beneficio della rateizzazione se non paga due rate consecutive (nella precedente formulazione, basta il mancato pagamento di una sola rata). È possibile chiedere la dilazione anche se non sono state pagate le quote degli avvisi bonari dell'Agenzia delle Entrate

Richiedere una ulteriore proroga di pagamento per le cartelle Equitalia

Per ottenere la proroga della rateizzazione in corso è necessario che il richiedente dimostri che la propria situazione finanziaria è peggiorata ulteriormente e quindi si trova reale difficoltà a restituire il debito. La proroga può essere chiesta una sola volta e la rateizzazione si può allungare fino a 62 mesi, inoltre il richiedente può ottenere la possibilità di restituire il debito con le quote nelle quali l’importo aumenta di volta in volta.

È importante sapere che gli intestatari di ditte individuali e le persone fisiche che godono di regimi fiscali semplificati possono richiedere la proroga della rateizzazione presentando un nuovo modello ISEE, che sia ovviamente inferiore a quello presentato per ottenere le rateizzazioni. Se non si ha a disposizione un nuovo ISEE perché non è trascorso un anno dalla precedente richiesta di rateizzazioni del debito e quindi il precedente ISEE è ancora valido, è necessario presentare tutta documentazione della quale si è in possesso per dimostrare il reale peggioramento della situazione economica.

Aggiornamento Novembre 16: si chiude

Già in vigore il Decreto Legge n. 193/2016, in cui si sancisce la chiusura di Equitalia dal 1° luglio 2017. L’attività di riscossione verrà effettuata dall’”Agenzia delle Entrate Riscossione” sotto il controllo dell’Agenzia delle Entrate e del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Sanatoria delle cartelle di pagamento

Per le cartelle di pagamento riguardanti tutti i tipi di imposte e contributi, dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2015 saranno rottamate. Di queste cartelle, vanno pagati gli importi totali, gli interessi e il 6% di aggio.

Ai debitori entro 6 mesi dall’entrata in vigore delle nuove procedure verrà comunicato l’importo esatto da pagare al netto della sanatoria, che può essere pagato a rate, rispettando un piano di dilazione, che stabilisce le modalità, massimo 4 rate, le prime tre rate dovranno essere pagate entro il 15 dicembre 2017 e la quarta entro il 15 marzo 2018, tramite domiciliazione bancaria, bollettini postali precompilati o allo sportello dell’Agenzia delle Entrate.

Chi può aderire alla sanatoria

I debitori, per potere aderire alla sanatoria, devono presentare una richiesta tramite modelli che saranno disponibili dal 7 novembre sul sito di Equitalia, entro 90 giorni (il 22 gennaio 2017) dalla pubblicazione della nuova disposizione sulla Gazzetta Ufficiale del 24 ottobre 2016.

Coloro che hanno in parte pagato le cartelle, se in regola con i pagamenti in scadenza dall'1 ottobre al 31 dicembre 2016 possono anche loro aderire alla sanatoria. Mentre non possono aderire coloro che sono in debito di somme inerenti ad aiuti di Stato come multe dell’Unione Europea, coloro che sono in debito di somme per condanna della Corte dei Conti e coloro che devono pagare sanzioni per multe e ammende dovute per condanne penali. Anche chi ha un procedimento aperto con Equitalia, non rientra nella sanatoria, a meno che non rinunci alla lite.

Regole in caso di mancati pagamenti delle rate

In caso di mancati pagamenti delle rate stabilite, anche parzialmente, decade la sanatoria e si torna agli obblighi delle vecchie regole. I dipendenti di Equitalia con contratto a tempo indeterminato, dopo una selezione, veranno inglobati alla nuova Agenzia delle Entrate-Riscossione.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Calcolo interessi legali: guida

Gli interessi legali sono considerati il frutto del godimento di una somma di denaro e sono, di conseguenza, dovuti per legge come obbligo accessorio a quello di pagamento. Il tasso degli interessi legali è stabilito dal Ministero dell’Economia e Finanze ed è regolamentato dall’art. 1284 del Codice Civile. Ma analizziamo nel dettaglio cosa si intende per interesse legale, come si calcola, le differenze tra interessi legali e interessi di mora. 

Quali franchising aprire? Ecco qualche dato

Idee di franchising 2022 per aprire attività o negozi in franchising di successo: ecco una breve guida sul franchising e l’elenco dei settori più in voga.